Il protocollo Antoci, lotta alla criminalità organizzata nel settore agroindustriale

A Terranova da Sibari, nel cosentino, Flai, Alpaa e Cgil Pollino Sibaritide Tirreno hanno organizzato l’incontro ‘Agromafie e caporalato, il protocollo Antoci’. Protagonista proprio Giuseppe Antoci, già presidente del parco dei Nebrodi, presidente onorario della Fondazione Antonino Caponnetto, autentico eroe dei nostri tempi, padre di uno dei più importanti ed efficaci documenti antimafia. Si è parlato di ‘lotta alla criminalità organizzata nel settore agroindustriale’, con gli interventi di Giuseppe Guido, segretario generale della Cgil comprensoriale; Federica Pietramala, segretaria generale della Flai Cgil; Francesco Rumanò, capogruppo de l’Alternativa; Angelo Sposato, segretario generale della Cgil Calabria; Caterina Vaiti, segretaria generale Flai Cgil regionale; Jean René Bilongo, Flai Cgil nazionale e Giuseppe Carotenuto, presidente nazionale di Alpaa. Il protocollo Antoci ha colpito duramente le mafie, vogliose di mettere le mani sui contributi Pac. Ma ancora non basta, hanno ripetuto i partecipanti al convegno, è necessario intervenire anche sulle agevolazioni che molte aziende agricole riescono ad ottenere senza reali, necessari controlli sul rispetto dei contratti nazionali di lavoro al loro interno, dove non di rado vengono scoperti casi di vero e proprio caporalato. Nel cosentino non si abbasserà la guardia, questa l’assicurazione data da Flai, Cgil e Alpaa.

Articoli correlati

Trentino, firmato Ccpl per il personale tecnico e di vigilanza dell’Associazione cacciatori

Elisa Cattani, Flai Cgil: “Soddisfatti per un rinnovo che salvaguarda il potere di acquisto delle retribuzioni, riafferma il ruolo ed il valore della contrattazione...

Elezioni Rsu Unilever Caivano, Flai forza 4 

Alle elezioni per il rinnovo delle rappresentanza sindacale unitaria alla Unilever di Caivano, in provincia di Napoli, la più importante azienda del settore agroalimentare...

Stornara, muore lavoratore agricolo, Flai Cgil: “Fermiamo la strage”

Gagliardi: “Nel 2023 in Puglia 2.224 denunce di infortunio e 16 incidenti mortali in agricoltura. Poche le ispezioni e nel 56% dei casi sono...