Fratelli Veroni di Correggio, rinnovato il contratto aziendale, Flai: “Aumento del premio per obiettivi, stop al precariato, maggiori diritti e attivazione sportello anti violenza”    

Prosegue la stagione dei rinnovi contrattuali di secondo livello del settore agroalimentare di Reggio Emilia. Dopo i rinnovi di salumifici e caseifici – Granterre e Agricola Tre Valli – è stato approvato dalle lavoratrici e dai lavoratori l’accordo per il rinnovo del contratto aziendale di Fratelli Veroni di Correggio.

L’accordo firmato dalla Flai Cgil, dalla Rsu e dalla Direzione aziendale ha durata triennale e prevede importanti avanzamenti economici e normativi.

“Per rispondere alla grave erosione del potere di acquisto dei cittadini, subita in modo particolare negli ultimi due anni, l’accordo prevede un importante aumento del premio per obiettivi che, associato alla quota welfare, passa dai quasi 6.800 euro nel triennio a oltre i 7.700 euro circa – sottolinea la Flai provinciale – Inoltre, nel caso in cui un dipendente decida di convertire una percentuale del premio per obiettivi in welfare, l’azienda erogherà una percentuale aggiuntiva a suo carico che arriva fino al 20 %”.

Rilevante anche l’incremento dell’indennità giornaliera riconosciuta per il tempo di vestizione/svestizione, che aumenta del 50%, così come l’incremento dello 0,10% a carico dell’azienda al fondo di previdenza complementare Alifond.

Per quanto riguarda il mercato del lavoro l’intesa afferma che qualunque tipologia di contratto a termine e/o staff leasing non andrà oltre i 24 mesi, trascorsi i quali i lavoratori saranno stabilizzati a tempo indeterminato alle dirette dipendenze di F.lli Veroni.

“Le Parti hanno condiviso di puntare sempre di più sulla qualità dei rapporti di lavoro per consentire ai lavoratori di migliorare la qualità e la programmazione della loro vita privata” sottolinea la Flai.

A partire da gennaio 2024, e per l’intera vigenza contrattuale, sarà attivo un servizio di consulenza, denominato “Filo diretto antiviolenza”, che mediante la collaborazione dell’associazione Nondasola offrirà assistenza alle lavoratrici e ai lavoratori su problematiche concernenti violenza, molestie e mobbing nei luoghi di lavoro e nella vita privata.

L’intesa raggiunta mostra anche una rilevante sensibilità sul tema della conciliazione tempi di vita/lavoro e della sostenibilità ambientale: viene regolamentata la cessione solidale di ferie e Rol in caso di gravi patologie del dipendente o per assistere i figli fino a 14 anni di età con particolari condizioni di salute, a seguito della quale, l’azienda integrerà il montante delle ore raccolte con il 20% a suo carico.

Per ciò che attiene gli aspetti della sostenibilità ambientale, di rilievo è il progetto “bike to work” che premierà i lavoratori e le lavoratrici che si recheranno al lavoro in bicicletta o a piedi. L’attenzione alla sostenibilità ambientale emerge anche tra i nuovi indicatori del premio di risultato.

“Siamo soddisfatti dell’accordo raggiunto che vede, alla base dell’intesa, una proficua collaborazione tra Organizzazione sindacale e Azienda e l’importante sostegno delle lavoratrici e dei lavoratori, sia durante la trattativa sia nella partecipazione alle assemblee sindacali per il voto” conclude la Flai Cgil provinciale.

Articoli correlati

Brigate del lavoro, solidarietà operaia a chi fatica nei campi

Nelle terre che dettero i natali a Giuseppe Di Vittorio, la Flai Cgil ne onora la memoria e va avanti con il sindacato di...

A Santa Sofia (Fc) l’incontro su migrazione e caporalato. Guaraldi: «Col sindacato di strada abbiamo riscoperto le nostre radici»

«Nel 2008 siamo andati a guardare come Federterra e Federbraccianti si approcciavano al mondo agricolo, per ripescare le radici del nostro sindacato. Un mondo...

Bracciante morto nel Crotonese, Flai Cgil Calabria e Area Vasta: “Più misure di prevenzione contro il caldo”

Flai Cgil Calabria e Flai Cgil Area Vasta esprimono profondo cordoglio per la perdita del giovane bracciante rumeno morto quest’oggi a seguito di un...