Forestali Trento in sciopero per il contratto, è la prima mobilitazione dopo trent’anni

Sindacati: Proposta della Pat irricevibile, non bastano le parole, servono retribuzioni adeguate e un contratto che riconosca le professionalità

Pretendono un rinnovo contrattuale dignitoso. Per questa ragione le operaie e gli operai forestali sono pronti a scioperare. “E’ la prima mobilitazione degli ultimi trent’anni per il settore, ma la controproposta con cui la Provincia ha risposto alle richieste della piattaforma sindacale è irricevibile su ogni aspetto”, spiegano Elisa Cattani e Katia Negri, segretarie generali di Flai Cgil e Fai Cisl.

Lo sciopero è stato annunciato oggi, segue la proclamazione dello stato di agitazione e la richiesta di un incontro urgente con l’assessora Zanotelli, già inviata nei giorni scorsi. Lavoratrici e lavoratori si fermeranno giovedì e venerdì prossimi, 20 e 21 luglio.

In ballo c’è il rinnovo del contratto integrativo provinciale del settore che in Trentino occupa circa 500 addetti. “Si tratta di figure con altissima professionalità, come hanno dimostrato prima e dopo la tragedia di Vaia – proseguono le sindacaliste – Negli ultimi anni purtroppo il settore sta subendo anche un depauperamento, visto che gli operai sono sempre meno a causa delle crescenti esternalizzazioni. Dirigenti e politici a parole ne riconoscono i meriti e le competenze. Nei fatti, però, le controparti hanno partecipato alla trattativa sbagliando metodo e contenuti. Le proposte sul piano normativo ed economico sono irricevibili. Ai tavoli di confronto non si sono presentati tutti i dirigenti. Si deduce che non ci sia ad oggi nessuna intenzione a trattare in modo costruttivo. La misura è colma”.

Nel dettaglio la piattaforma di Flai e Fai, approvata dai lavoratori, prevede un aumento dell’8% sui minimi tabellari come integrazione al contratto nazionale, a cui si aggiunge un incremento dell’indennità di mensa e di trasporto, 24 ore aggiuntive di permessi retribuiti per ragioni familiari, il superamento dei blocco di tre giorni per chiedere la cassa integrazione (Cisoa), e 40 euro di indennità per chi ha almeno 10 anni di servizio, visto che il contratto non riconosce scatti di anzianità. “Abbiamo costruito una proposta che permettesse di recuperare potere d’acquisto e che al tempo stesso migliorasse le condizioni di lavoro. La controproposta è imbarazzante”.

La Provincia ad oggi è disposta a riconoscere appena un aumento del 2% sui minimi tabellari, e poco più di 12 ore aggiuntive di permessi retribuiti per ragioni familiari. Proposte distanti dalle richieste delle lavoratrici e dei lavoratori del comparto che, dunque, dopo 31 anni sono nuovamente pronti a scioperare.

Articoli correlati

Latina, in campo le Brigate del lavoro. Il 19 giugno la conferenza stampa

Dal 24 al 28 giugno, e dal 1 al 5 luglio, a Latina le iniziative di “Diritti in campo con le Brigate del lavoro”....

Stallo nel rinnovo dei contratti provinciali agricoli in Veneto. Fai, Flai e Uila: Pronti alla mobilitazione

Dopo diversi incontri di trattativa, la situazione resta bloccata e la distanza tra le parti ancora troppo ampia. Sull’aspetto salariale ma anche sulla parte...

Elezioni Rsu Arborea, Flai Cgil del Trentino primo sindacato 

Allo stabilimento di Roverè della Luna, ex Trentinalatte, il 74% sceglie la categoria dell’agroindustria della Cgil Le elezioni per la Rappresentanza sindacale unitaria presso Arborea...