Fondo Nappo. La solidarietà di Flai Cgil Calabria e Alpaa Calabria

Flai Cgil Calabria e Alpaa Calabria esprimono sdegno e solidarietà per quanto accaduto a Scafati, in Campania, dove è avvenuto l’ennesimo danneggiamento ai danni del “Fondo Nappo”, bene confiscato al clan Galasso e gestito dall’Ats Terra Viva con Cgil, Flai Cgil, Finetica e Arci Ferro 3.0.

“Non è la prima volta che si tenta di mortificare il lavoro di chi è impegnato in un bene simbolo di rinascita, legalità e speranza per il futuro , una bellissima esperienza che abbiamo avuto il piacere di visitare la scorsa primavera – afferma la Segretaria Generale Flai Cgil Calabria Caterina Vaiti – ma non è così che si possono fermare percorsi virtuosi come questo, che fanno dei campi e delle attività agricole e non solo un trampolino di lancio per voltare pagina in territori purtroppo fortemente segnati ancora dalla criminalità organizzata”.

“Esprimiamo come Flai Cgil e Alpaa Calabria la nostra vicinanza a chi è impegnato in questa esperienza e da tempo si trova a dover subire danneggiamenti anche personali, tecniche di demotivazione che purtroppo conosciamo bene anche nella nostra regione. Crediamo – conclude Vaiti –  nel riutilizzo dei beni confiscati e nel lavoro di chi giorno per giorno è impegnato per costruire un futuro libero da condizionamenti criminali”.

Articoli correlati

Rinnovo Rsu Pastificio Di Martino di Gragnano, Napoli, 100% alla Flai Cgil

Alle elezioni per il rinnovo delle Rsu al Pastificio Di Martino di Gragnano la Flai Cgil fa l’en plein. Alfonso D’Amora, Antonio Di Somma...

Rinnovo Rsu Mec-carni di Marcaria, Mantova, la Flai è la più votata

Alle elezioni per  il rinnovo della Rappresentanza sindacale unitaria di Mc-carni di Marcaria, nel mantovano, la Flai Cgil è il primo sindacato. Il 64%...

“Basta caccia alle streghe alla Biancoforno”. Flai e Cgil Toscana chiedono che si riapra un dialogo serio con l’azienda

“Si ritiri la querela alla segretaria Flai Pisa Natasha Merola e si riapra un confronto sulle criticità sollevate dai lavoratori. Nella fabbrica di Fornacette...