Flai Cgil Bat, assemblee su “La via maestra” contro la precarietà e per la Costituzione

In vista della manifestazione del 7 ottobre e Roma la segreteria provinciale incontrerà gli operai dell’agroindustria e della pesca nelle Camere del Lavoro comunali

Diritto ad un lavoro stabile e di qualità, salario minimo, valore ai contratti collettivi per contrastare quelli pirata, diritto alla salute e rafforzamento della sanità pubblica, diritto all’istruzione e alla formazione continua, contrasto a povertà e diseguaglianze mentre il governo taglia il Reddito di cittadinanza, la salvaguardia dell’ambiente e degli ecosistemi, una politica di pace, uguaglianza e solidarietà. Sono questi alcuni punti del manifesto della mobilitazione del 7 ottobre a Roma organizzata dalla Cgil per la difesa e l’attuazione della Carta, contro l’autonomia differenziata e lo stravolgimento della nostra Repubblica parlamentare. La rivendicazione del sindacato è che i diritti fondamentali sanciti dalla Costituzione tornino ad essere pienamente riconosciuti e siano resi concretamente esigibili ad ogni latitudine del Paese.

Per coinvolgere il maggior numero di lavoratori, la Flai Bat ha deciso di organizzare una serie di assemblee nelle Camere del Lavoro dei comuni della provincia. A Bisceglie assemblea straordinaria aperta che si terrà presso Palazzo Tupputi, Sala degli Specchi, con inizio alle ore 17 dell’11 settembre, con il segretario generale Cgil Bat Michele Valente. Il 19 settembre ad Andria alla presenza del segretario generale Flai Puglia, Antonio Gagliardi, e ancora il 2 ottobre a Canosa di Puglia, il 3 a Minervino Murge e il 5 a Margherita di Savoia. Nel frattempo si terranno anche assemblee straordinarie nelle aziende del territorio con la presenza della Flai Nazionale.

“Non nascondiamo la nostra preoccupazione perché rischiamo di fare i conti con una bomba sociale che può essere disinnescata solo se si interviene seriamente su lavoro e occupazione. Il Sud e il nostro territorio in particolar modo devono già fare i conti con una disoccupazione giovanile vertiginosa e sul precariato e il sotto salario come regola. Per questo il Governo deve prendere impegni seri con lavoratori, disoccupati e giovani ed è questo che chiederemo a Roma ma è importante essere in tanti. I lavoratori dell’agroindustria e della pesca della Bat faranno la loro parte”, commenta il segretario generale della Flai Cgil Bat Gaetano Riglietti.

Articoli correlati

Monteriggioni, AviCoop chiude e licenzia 200 lavoratori. Il 20 giugno sarà sciopero

L’azienda del gruppo Amadori comunica alla Regione la chiusura del sito toscano. Flai, Fai e Uila Siena: “Non solo uno strappo istituzionale, ma una...

Caseifici sociali trentini, firmato il contratto

Soddisfazione per l’aumento dell’11%, il riconoscimento del tempo tuta e il recupero dell’arretrato 2023 Con la firma sul nuovo contratto per i lavoratori e le...

Rinnovato contratto integrativo della Luigi Lavazza Spa di Gattinara 

Grazioli, Flai Cgil Vercelli - Biella: “L’accordo presenta dei caratteri innovativi sia per la parte normativa sia per la parte economica” Da ormai dieci anni...