Diritti in marineria all’Argentario

La campagna nazionale della Flai Cgil “Diritti in marineria”, focus su tutele e sicurezza nel settore della pesca con attenzione anche alla formazione professionale, fa tappa in Toscana, a Porto Santo Stefano, nel cuore dell’Argentario. Al centro della campagna, che rientra nel progetto di formazione avviato dalla Flai, nell’ambito del Programma triennale della pesca e dell’acquacoltura 2022/24, finanziato dal ministero dell’Agricoltura e della sovranità alimentare, i temi del lavoro usurante, della sicurezza, delle malattie professionali, l’applicazione del Testo Unico 81/2008, le pensioni, la condizione dei lavoratori stranieri, i fondi integrativi sanitari. Un’occasione per incontrare lavoratrici e lavoratori di un settore antico e da preservare, ascoltare i loro problemi e spiegare le proposte del sindacato su diritti, tutele, sicurezza. Un prezioso momento di confronto e di informazione con il capo dipartimento pesca della Flai Cgil Antonio Pucillo. Finché c’è rete c’è speranza. 

Articoli correlati

Diritti e salari, lavoratori agroindustria e pensionati in assemblea ad Andria

In vista della manifestazione nazionale del 20 aprile a Roma di Cgil e Uil, il 19 aprile a partire dalle 17.00 incontro presso la...

Sciopero permanente alla Beyers di Castel Maggiore fino al 23 aprile

Flai Cgil: “Non entrerà e non uscirà nessun prodotto finché l'azienda non deciderà di sedersi a un tavolo per evitare la chiusura e trovare...

Elezioni Rsu, Italia Alimentari, Mantova, la Flai di nuovo prima

Risultato storico all'Italia Alimentari di Gazoldo degli Ippoliti, Mantova, azienda del Gruppo Cremonini, dove per la prima volta dopo moltissimi anni la Flai Cgil...