Diritti in marineria all’Argentario

La campagna nazionale della Flai Cgil “Diritti in marineria”, focus su tutele e sicurezza nel settore della pesca con attenzione anche alla formazione professionale, fa tappa in Toscana, a Porto Santo Stefano, nel cuore dell’Argentario. Al centro della campagna, che rientra nel progetto di formazione avviato dalla Flai, nell’ambito del Programma triennale della pesca e dell’acquacoltura 2022/24, finanziato dal ministero dell’Agricoltura e della sovranità alimentare, i temi del lavoro usurante, della sicurezza, delle malattie professionali, l’applicazione del Testo Unico 81/2008, le pensioni, la condizione dei lavoratori stranieri, i fondi integrativi sanitari. Un’occasione per incontrare lavoratrici e lavoratori di un settore antico e da preservare, ascoltare i loro problemi e spiegare le proposte del sindacato su diritti, tutele, sicurezza. Un prezioso momento di confronto e di informazione con il capo dipartimento pesca della Flai Cgil Antonio Pucillo. Finché c’è rete c’è speranza. 

Articoli correlati

Brigate del lavoro, solidarietà operaia a chi fatica nei campi

Nelle terre che dettero i natali a Giuseppe Di Vittorio, la Flai Cgil ne onora la memoria e va avanti con il sindacato di...

A Santa Sofia (Fc) l’incontro su migrazione e caporalato. Guaraldi: «Col sindacato di strada abbiamo riscoperto le nostre radici»

«Nel 2008 siamo andati a guardare come Federterra e Federbraccianti si approcciavano al mondo agricolo, per ripescare le radici del nostro sindacato. Un mondo...

Bracciante morto nel Crotonese, Flai Cgil Calabria e Area Vasta: “Più misure di prevenzione contro il caldo”

Flai Cgil Calabria e Flai Cgil Area Vasta esprimono profondo cordoglio per la perdita del giovane bracciante rumeno morto quest’oggi a seguito di un...