Centrale del latte Alessandria, la lotta continua

Benedetto, Flai Cgil: “48 famiglie attendono risposte”

Dopo l’annuncio della liquidazione giudiziaria della centrale del latte di Alessandria e Asti, i dipendenti sono entrati in presidio permanente. Quell’azienda ha significato per tante persone il primo luogo di lavoro e un punto fermo per l’intera comunità. “Continuano a susseguirsi voci di possibili partner, proposte e interessamenti di operazioni societarie, ma mai seguite da effettivi atti formali – spiega il segretario generale provinciale di Alessandria, Raffaele Benedetto – Il sindacato in tutti questi anni ha costantemente chiesto un concreto piano industriale all’azienda, ci siamo sempre sentiti dire: ‘E’ colpa di questo o quel Consiglio di amministrazione’, intanto le lavoratrici ed i lavoratori hanno continuato instancabilmente a produrre un prodotto di qualità e apprezzato dal mercato” .

Si scontano politiche aziendali incomprensibili, un esempio per tutti è l’acquisto di un impianto per il latte microfiltrato che in realtà non è mai stato commercializzato. “Di chi sono le responsabilità? – si chiede retoricamente il segretario della Flai Cgil – Il risultato è stato che nel tempo le vendite di latte fresco sono costantemente diminuite, mentre i responsabili aziendali hanno continuato a sbandierare potenziali operazioni di partnership e sinergie da concretizzare. Oggi registriamo il totale collasso dell’azienda, in 3 giorni sono stati persi circa 3500 punti vendita dove venivano portati i prodotti dello storico stabilimento alessandrino, smantellando di fatto la rete vendita. Lo diciamo a gran voce, noi lotteremo fino alla fine per evitare il fallimento della Centrale del latte!”.

La Flai Cgil di Alessandria, insieme alle lavoratrici e ai lavoratori, nei prossimi giorni chiederà un incontro in Prefettura per esporre questa drammatica vicenda e valutare eventuali ulteriori percorsi. “La vicinanza della popolazione di Alessandria è per noi importante, chiediamo a tutti di unirsi al nostro grido di protesta, perché non è accettabile che un’azienda con 25 milioni di euro di fatturato e 15 milioni di litri di latte imbottigliato, possa morire così. Per colpe e responsabilità che dovranno necessariamente emergere. Ci sono 48 dipendenti con le loro 48 famiglie che stanno vivendo un momento tragico e che hanno una prospettiva di vita professionale e sociale drammaticamente incerta, a queste persone bisogna dare delle risposte”.

Articoli correlati

Flai, Legacoop e Cidas firmano a Ferrara il Protocollo contro lo sfruttamento in agricoltura

L’iniziativa si sviluppa nell’ambito della più ampia Rete del lavoro agricolo di qualità, che coinvolge istituzioni ed enti impegnati nel contrasto a fenomeni di...

Rinnovo Rsu Atisale Spa di Margherita di Savoia, una conferma per la Flai Cgil

Si sono appena concluse le operazioni di spoglio per l’elezione della rappresentanza sindacale unitaria nell’azienda Atisale S.p.a. stabilimento pugliese di Margherita di Savoia, che...

Flai Puglia: “Arretra il lavoro agricolo di qualità”

Gagliardi: “Quasi 200 imprese cancellate dalla Rete del lavoro agricolo di qualità. Le associazioni datoriali sono interessate a contrastare il dumping salariale?” Alle aziende agricole...