Caserta, presi a cinghiate nei campi di pomodoro

Al lavoro 11 ore per 40 euro. Divieti dimora per 4 imprenditori. Della Corte, Flai Cgil: “Non sono tollerabili tali atteggiamenti di umiliazione e sopraffazione nei confronti di chi lavora”

Non c’erano diritti, neanche i più basilari, per i braccianti stranieri impiegati nella raccolta di pomodori nei fondi agricoli del Casertano; non un contratto o una paga dignitosa, solo lavoro per quasi 12 ore al giorno, e nel caso di un momento di riposo scattavano insulti, minacce e cinghiate. E’ quanto emerso dall’indagine sul fenomeno del caporalato della Procura di Santa Maria Capua Vetere e dei carabinieri dell’Ispettorato del Lavoro di Caserta, che ha coinvolto quattro imprenditori agricoli di Marano di Napoli, accusati dei reati di sfruttamento del lavoro e impiego di manodopera clandestina; nei loro confronti il gip del tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha emesso su richiesta della Procura la misura del divieto di dimora in provincia di Caserta. L’indagine è partita in seguito ai controlli effettuati dai militari dell’Arma sui terreni agricoli e attivati dalla task force anti-caporalato prevista dal progetto “Su.Pr.Eme”. I carabinieri hanno notato dieci braccianti stranieri che raccoglievano pomodori, hanno scoperto che nessuno aveva il contratto e che erano costretti a lavorare undici ore al giorno, sette giorni su sette, per una paga quotidiana di 30-40 euro. Qualche bracciante ha poi raccontato ai carabinieri le violenze subite dagli imprenditori agricoli; è così emerso il caso del lavoratore colpito con la cinghia dopo essersi seduto a terra per riposarsi, o di un altro che era stato colto da malore e riportato a casa invece che in qualche struttura sanitaria. Tammaro Della Corte, segretario della Flai-Cgil di Caserta, parla di “indagine importante per la quale vanno ringraziati magistratura e forze dell’ordine”, e di “quadro estremamente grave e disumano. Non sono tollerabili tali atteggiamenti di umiliazione e sopraffazione nei confronti di chi lavora. Condizioni indegne – aggiunge – che assumono un contorno ancora più grave perché i lavoratori sono ulteriormente fragili e ricattabili in quanto non dotati di permessi di soggiorno”. Per il segretario della Flai “in contesti di sfruttamento estremo e caporalato bisogna essere conseguenti e attuare nelle sua pienezza la legge 199/2016 che prevede non solo misure repressive contro chi sfrutta a manche misure preventive per poter immaginare un mercato del lavoro agricolo diverso, fatto di domanda ed offerta che si incontrarono in trasparenza e quindi in legalità e diritti. Tutto è figlio di un modello di sviluppo sbagliato ed ingiusto che spreme chi lavora per trarre profitto violando i diritti delle lavoratrici ed i lavoratori”.

Articoli correlati

Sciopero permanente alla Beyers di Castel Maggiore fino al 23 aprile

Flai Cgil: “Non entrerà e non uscirà nessun prodotto finché l'azienda non deciderà di sedersi a un tavolo per evitare la chiusura e trovare...

Elezioni Rsu, Italia Alimentari, Mantova, la Flai di nuovo prima

Risultato storico all'Italia Alimentari di Gazoldo degli Ippoliti, Mantova, azienda del Gruppo Cremonini, dove per la prima volta dopo moltissimi anni la Flai Cgil...

Elezioni delle Rsu nel sito Ges.car Rieti: la Flai Cgil è il primo sindacato

Il segretario generale della Flai Cgil Rieti-Roma est Lelli Emiliano esprime profonda soddisfazione  per l’importante affermazione della Flai Cgil nelle elezioni Rsu del sito...