Cantine Riunite & Civ Reggio e Modena, rinnovato il contratto di gruppo

Flai Cgil e Fai Cisl: “Importante incremento economico e più diritti per i lavoratori”

È stato firmato oggi il verbale di accordo per il rinnovo del Contratto integrativo di Gruppo di Cantine Riunite & Civ, votato a larghissima maggioranza da lavoratori e lavoratrici di Campegine, S.Prospero, e dei centri di pigiatura delle province di Modena e Reggio Emilia.

L’accordo raggiunto prevede significativi miglioramenti normativi e retributivi nel quadriennio 2023-2027. Dal punto di vista retributivo si ottiene un rilevante incremento economico, ripartito tra premio per obiettivi e welfare aziendale che risponde, sul piano della contrattazione decentrata, alla domanda di recupero del potere di acquisto delle retribuzioni. A ciò si aggiunge il contributo che deriva dall’incremento delle indennità legate allo svolgimento della campagna di pigiatura del prossimo autunno.

Il Contratto integrativo introduce poi notevoli miglioramenti sul tema della conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, attraverso il riconoscimento per tutti i lavoratori di quattro ore aggiuntive di permesso individuale per visite mediche o esami specialistici, un giorno di congedo per lutto anche in caso di decesso di un affine e percorsi più snelli per agevolare la richiesta e la concessione del part-time. Ancora in tema di conciliazione l’accordo introduce in via sperimentale, per quadri e impiegati della sede di Campegine, un nuovo regime di flessibilità degli orari in entrata ed uscita dal lavoro.

Per gli addetti alla produzione sono anche previsti un’indennità economica giornaliera, pause di riposo aggiuntive e l’introduzione dei tempi di vestizione e svestizione delle divise aziendali e dei dispositivi di protezione individuali.

Segnale importante è anche l’attivazione di una banca ore solidale a favore dei lavoratori gravemente malati o per l’assistenza di figli minori nelle stesse condizioni, con integrazione a carico dell’azienda del 10% rispetto alle ore di ferie e permessi donate dai lavoratori ai loro colleghi.

Anche presso Cantine Riunite & Civ saranno poi istituiti “sportelli” gestiti da associazioni indipendenti per contrastare le violenze di genere, le molestie sessuali ed il mobbing sul luogo di lavoro.

Flai Cgil e Fai Cisl provinciali, insieme alla Rsu Cantine Riunite & Civ, esprimono soddisfazione per l’accordo raggiunto, e ringraziano le lavoratrici ed i lavoratori per il sostegno durante la trattativa e la partecipazione alle assemblee sindacali ed al voto.

Articoli correlati

Caporalato nel veronese, Flai Cgil: “Sfruttamento radicato, cambiare il modello di impresa”

Mattei: “Insistiamo nel denunciare un sistema transnazionale alimentato dal decreto flussi e dalla legge Bossi-Fini, di cui chiediamo la cancellazione, che alimenta il mercato...

Caporalato, Flai Cgil Verona: “Lentezza della giustizia, Bossi-Fini, indifferenza sono i principali alleati dei caporali” 

Mazzasette: “Una sessione di ‘Brigate del Lavoro’ a breve si svolgerà nelle campagne veronesi. La battaglia si vince se c’è un presa di coscienza...

Bologna, Beyers Caffè c’è l’accordo, cigs dal primo agosto

Ramponi, Flai Cgil: "Tutelati lavoratrici e lavoratori dopo una vertenza partita nel marzo scorso con l'apertura della procedura di licenziamento collettivo" Si è conclusa al...