Bonifica del Gargano, la Flai Cgil proclama lo stato di agitazione

Tarantella: “No a una nuova società, non sono stati coinvolti lavoratrici e lavoratori”

Non è piaciuta alla Flai Cgil l’improvvisa decisione del Consiglio di amministrazione del Consorzio di bonifica del Gargano di costituire una società a parte per lo svolgimento di alcune importanti funzioni. Tra queste la riscossione dei contributi di bonifica chiesti ai cittadini, le attività di gestione e manutenzione delle opere e degli impianti del Consorzio, e la progettazione di nuovi interventi. Il sindacato ha proclamato lo stato di agitazione: “E’ evidente – osserva il segretario generale della Flai foggiana, Giovanni Tarantella – che questa nuova società e le funzioni ad essa assegnate pregiudicano lo stesso scopo dell’ente di bonifica, oltre che la tenuta occupazionale. Per giunta in questa operazione è completamente mancato il coinvolgimento dei rappresentanti sindacali aziendali, come invece previsto dal Contratto collettivo nazionale di lavoro. Per questi motivi abbiamo proclamato lo stato di agitazione”. La Flai, in una lettera inviata anche all’assessore regionale all’agricoltura Donato Pentassuglia, ha richiesto un incontro urgente. Decisioni sul futuro del Consorzio di bonifica del Gargano non possono essere prese senza il coinvolgimento delle lavoratrici e dei lavoratori, devono essere loro i protagonisti.

Articoli correlati

Trentino, firmato Ccpl per il personale tecnico e di vigilanza dell’Associazione cacciatori

Elisa Cattani, Flai Cgil: “Soddisfatti per un rinnovo che salvaguarda il potere di acquisto delle retribuzioni, riafferma il ruolo ed il valore della contrattazione...

Elezioni Rsu Unilever Caivano, Flai forza 4 

Alle elezioni per il rinnovo delle rappresentanza sindacale unitaria alla Unilever di Caivano, in provincia di Napoli, la più importante azienda del settore agroalimentare...

Stornara, muore lavoratore agricolo, Flai Cgil: “Fermiamo la strage”

Gagliardi: “Nel 2023 in Puglia 2.224 denunce di infortunio e 16 incidenti mortali in agricoltura. Poche le ispezioni e nel 56% dei casi sono...