Bonifica del Gargano, la Flai Cgil proclama lo stato di agitazione

Tarantella: “No a una nuova società, non sono stati coinvolti lavoratrici e lavoratori”

Non è piaciuta alla Flai Cgil l’improvvisa decisione del Consiglio di amministrazione del Consorzio di bonifica del Gargano di costituire una società a parte per lo svolgimento di alcune importanti funzioni. Tra queste la riscossione dei contributi di bonifica chiesti ai cittadini, le attività di gestione e manutenzione delle opere e degli impianti del Consorzio, e la progettazione di nuovi interventi. Il sindacato ha proclamato lo stato di agitazione: “E’ evidente – osserva il segretario generale della Flai foggiana, Giovanni Tarantella – che questa nuova società e le funzioni ad essa assegnate pregiudicano lo stesso scopo dell’ente di bonifica, oltre che la tenuta occupazionale. Per giunta in questa operazione è completamente mancato il coinvolgimento dei rappresentanti sindacali aziendali, come invece previsto dal Contratto collettivo nazionale di lavoro. Per questi motivi abbiamo proclamato lo stato di agitazione”. La Flai, in una lettera inviata anche all’assessore regionale all’agricoltura Donato Pentassuglia, ha richiesto un incontro urgente. Decisioni sul futuro del Consorzio di bonifica del Gargano non possono essere prese senza il coinvolgimento delle lavoratrici e dei lavoratori, devono essere loro i protagonisti.

Articoli correlati

Caporalato nel veronese, Flai Cgil: “Sfruttamento radicato, cambiare il modello di impresa”

Mattei: “Insistiamo nel denunciare un sistema transnazionale alimentato dal decreto flussi e dalla legge Bossi-Fini, di cui chiediamo la cancellazione, che alimenta il mercato...

Caporalato, Flai Cgil Verona: “Lentezza della giustizia, Bossi-Fini, indifferenza sono i principali alleati dei caporali” 

Mazzasette: “Una sessione di ‘Brigate del Lavoro’ a breve si svolgerà nelle campagne veronesi. La battaglia si vince se c’è un presa di coscienza...

Bologna, Beyers Caffè c’è l’accordo, cigs dal primo agosto

Ramponi, Flai Cgil: "Tutelati lavoratrici e lavoratori dopo una vertenza partita nel marzo scorso con l'apertura della procedura di licenziamento collettivo" Si è conclusa al...