A otto anni dalla morte di Paola Clemente, Cgil e Flai Puglia: “Non dimenticare il suo sacrificio che ha portato a leggi contro il caporalato”

Il programma delle iniziative in tutte le province

“Paola Clemente non c’è più da otto anni. Il suo ricordo vive ogni giorno nelle lotte della Cgil e della Flai in Puglia e in ogni parte d’Italia, in agricoltura come in tutti i settori, contro lo sfruttamento del lavoro e ogni forma di caporalato, praticato da pseudo imprenditori parassiti sociali che si nutrono della fatica di uomini e donne costrette da ricatto del reddito a lavorare in qualunque condizione. E che a volte pagano quella fatica e la totale assenza di rispetto delle regole al costo della vita. La tragica storia di Paola innerva la legge 199 contro lavoro nero e caporalato, ottenuta grazie alle battaglie del sindacato nel suo nome e che è ritenuta, dalla stessa magistratura, valido strumento di contrasto allo sfruttamento”. 

È quanto affermano in una nota congiunta la segretaria generale della Cgil Puglia, Gigia Bucci, e il segretario generale della Flai Cgil Puglia, Antonio Gagliardi. 

Il 13 luglio del 2015 l’operaia agricola Paola Clemente moriva nelle campagne di Andria. Si era svegliata alla 3 del mattino come ogni notte, specializzata nell’acinellatura dell’uva, coprendo i 150 chilometri che la speravano dal suo paese nel Tarantino a bordo di un pullman. Moderno caporalato celato tra agenzie interinali e società specializzate nel trasporto. Morta di fatica, Paola, prima delle ordinanze che oggi obbligano a sospendere il lavoro nelle ore più calde. Morta di ritmi di lavoro vessatori. Ricostruzioni rese possibili grazie alle testimonianze delle colleghe di lavoro e a seguito delle indagini della magistratura. La morte di Paola senza le denunce della famiglia sostenuta dalla Flai sarebbe stata giustificata con cause naturali. 

“Cosa c’è di naturale nel lavorare a 40 gradi, per meno di 3 euro l’ora, con busta paga fittizia, e morire a 49 anni? – affermano Bucci e Gagliardi – Per questo vogliamo che il suo estremo sacrificio, che ha portato a una legge contro il caporalato, sia ricordato e per la stessa ragione ogni struttura Cgil e Flai ha promosso per la giornata di domani iniziative che avranno al centro la dignità del lavoro e delle persone, il rispetto del contratto e dei diritti, la salute e la sicurezza sul lavoro, in un settore strategico per l’economia pugliese qual è quello primario. Alle istituzioni il compito di applicare in toto la legge 199, non solo il fondamentale aspetto repressivo, ma anche l’attività di prevenzione, nonostante lo scarso contributo e adesione del sistema d’impresa a far vivere i tavoli della Rete del lavoro agricolo di qualità. Con la speranza – concludono i dirigenti di Cgil Puglia e Flai Cgil Puglia – che in sede processuale venga fatta giustizia accertando fino in fondo le responsabilità individuali che hanno portato alla morte di Paola”. 

GLI APPUNTAMENTI DI CGIL E FLAI PER DOMANI 13 LUGLIO IN PUGLIA 

  • Cgil e Flai Taranto, già impegnate in incontri con lavoratrici e lavoratori nei luoghi di aggregazione e partenza dalle 3 di notte, saranno a San Giorgio Jonico, la città di Paola Clemente.
  • Cgil e Flai Bari terranno una piccola cerimonia di intitolazione a Paola Clemente della sala d’aspetto della Camera del Lavoro di Bari.
  • Cgil e Flai Bat hanno organizzato dedicano una targa a Paola Clemente che sarà scoperta nella sede della Camera del Lavoro di Andria. La cerimonia nel pomeriggio.
  • Cgil e Flai Brindisi terranno un corteo di lavoratori e lavoratrici ad Oria, che si concluderà con una commemorazione dinanzi al monumento dedicato a tutte le vittime del caporalato.
  • Cgil e Flai Foggia, insieme al Patronato Inca, terranno una conferenza stampa per presentare un progetto itinerante – simbolicamente dedicato a Paola Clemente – di informazione su salute e sicurezza nei campi rivolto a tutti i lavoratori e lavoratrici del settore agricolo.
  • Cgil e Flai Lecce terranno un’assemblea con lavoratori e lavoratrici agricoli incentrata sui temi dei diritti e della salute sicurezza nei luoghi di lavoro. 

Articoli correlati

Brigate del lavoro, solidarietà operaia a chi fatica nei campi

Nelle terre che dettero i natali a Giuseppe Di Vittorio, la Flai Cgil ne onora la memoria e va avanti con il sindacato di...

A Santa Sofia (Fc) l’incontro su migrazione e caporalato. Guaraldi: «Col sindacato di strada abbiamo riscoperto le nostre radici»

«Nel 2008 siamo andati a guardare come Federterra e Federbraccianti si approcciavano al mondo agricolo, per ripescare le radici del nostro sindacato. Un mondo...

Bracciante morto nel Crotonese, Flai Cgil Calabria e Area Vasta: “Più misure di prevenzione contro il caldo”

Flai Cgil Calabria e Flai Cgil Area Vasta esprimono profondo cordoglio per la perdita del giovane bracciante rumeno morto quest’oggi a seguito di un...