1974 – 2024, Mantova ricorda la prima Lega contadina d’Italia

Volta e Papazzoni, Flai Cgil: “Conservare la memoria del nostro passato per guardare a un futuro che non è scritto”

A cinquant’anni dalla posa del monumento alla Prima Lega contadina d’Italia di San Rocco di Quistello, sono state organizzate iniziative per celebrarne l’anniversario. Il Comune di Quistello in collaborazione con l’Istituto Mantovano di Storia Contemporanea vuole infatti ricordare quell’evento e il suo significato. Le celebrazioni si concluderanno il 1° maggio a San Rocco con la Festa del lavoro. La storia ricorda che il 1° maggio del 1890 nel piccolo paesino di San Rocco di Quistello nasce la Prima Lega Contadina d’Italia, la compongono 55 soci unitamente ai propri nuclei familiari, con il preciso intento di “diffondere tra i contadini e fra tutti lavoratori la solidarietà e il concetto dell’unità che deve animare gli oppressi durante la dura lotta del loro riscatto morale e civile”.
Il monumento, posto nella piazza di San Rocco, fu realizzato dall’artista Giuseppe Gorni, ed è costituito da una statua che raffigura un contadino, simbolo delle lotte che negli ultimi decenni dell’800 vedevano coinvolte in prima linea le masse di braccianti e lavoratori della terra per un miglioramento delle proprie condizioni di vita economiche e sociali.
Il 1° maggio 1974, giorno dell’inaugurazione, fu apposta una targa con scritto: “Alla prima lega contadina d’Italia, nel pugno la falce, dritto lo sguardo ai campi sudati, i contadini di S.Rocco di Mantova primi levarono nei tempi della più dura oppressione il grido della riscossa fra le genti del lavoro. A difesa dei padroni drizzò allora la legge armata dello Stato in toga e in divisa con armi e catene. Ma riecheggiando l’alto grido di giustizia, di valle in valle dal piano al monte, i lavoratori della terra in crescenti moltitudini mossero alla lotta, resisterono e vinsero. Oggi assurti a nuova dignità umana e civile, consacrata dalla Costituzione, a memoria, gratitudine e onore dei precursori questa opera dedicano, dall’arte modellata con fraterno amore”. 

“Ricordare il nostro passato per guardare a un futuro che non è scritto – spiegano Marco Volta e Ivan Papazzoni, Flai Cgil Mantova – Nel giorno della Festa della Liberazione abbiamo ricordato la Resistenza al nazifascismo radice della nostra Costituzione. L’Italia è un  paese fondato sul lavoro, un lavoro che deve essere tutelato, stabile, dignitoso, sicuro. Per questo la Cgil ha messo in cantiere quattro referendum, per dare la possibilità a tutte e a tutti di partecipare per cambiare le condizioni di lavoro e di vita. Stiamo raccogliendo le firme: una firma per resistere e cancellare un modello produttivo profondamente ingiusto e sbagliato”. 

Articoli correlati

Rinnovo Rsu Pastificio Di Martino di Gragnano, Napoli, 100% alla Flai Cgil

Alle elezioni per il rinnovo delle Rsu al Pastificio Di Martino di Gragnano la Flai Cgil fa l’en plein. Alfonso D’Amora, Antonio Di Somma...

Rinnovo Rsu Mec-carni di Marcaria, Mantova, la Flai è la più votata

Alle elezioni per  il rinnovo della Rappresentanza sindacale unitaria di Mc-carni di Marcaria, nel mantovano, la Flai Cgil è il primo sindacato. Il 64%...

“Basta caccia alle streghe alla Biancoforno”. Flai e Cgil Toscana chiedono che si riapra un dialogo serio con l’azienda

“Si ritiri la querela alla segretaria Flai Pisa Natasha Merola e si riapra un confronto sulle criticità sollevate dai lavoratori. Nella fabbrica di Fornacette...