HomeComunicatiZuccherificio Molise: attendiamo risposte concrete dalla Regione e dal Ministero

Zuccherificio Molise: attendiamo risposte concrete dalla Regione e dal Ministero

Ormai da troppo tempo i lavoratori dell’ex Zuccherificio del Molise sono in attesa di risposte concrete da parte delle Istituzioni. Molti ex dipendenti vedranno scadere la mobilità a giugno 2018 ed in tal senso, Fai, Flai e Uila auspicano che la Giunta della Regione Molise mantenga gli impegni assunti nel corso della riunione del 4 settembre u.s. e ponga in essere a stretto giro tutte le misure necessarie alla riqualificazione e ricollocazione dei lavoratori del sito di Termoli, assumendosi le proprie responsabilità e mantenendo quanto promesso. In questa direzione riteniamo necessario che le Istituzioni definiscano con maggiore precisione il percorso per attivare politiche attive per la riqualificazione e la ricollocazione dei lavoratori collocati in mobilità, con la predisposizione di un calendario che tenga conto del periodo di copertura della mobilità, che scadrà per alcuni da qui a pochi mesi. In tale percorso consideriamo necessario anche il coinvolgimento concreto di tutti i soggetti istituzionali: Invitalia, i sindaci dell’area di Termoli e i Centri per l’impiego.

Fai, Flai e Uila ritengono inoltre necessario il coinvolgimento del Ministero dello Sviluppo Economico con la prosecuzione del confronto già intrapreso a dicembre 2016 al fine di garantire concrete opportunità di ricollocazione per gli ex dipendenti dello Zuccherificio termolese. Come noto l’ex Zuccherificio di Termoli insiste in un’area di crisi non complessa, pertanto serve mettere in campo tutte le misure previste dalla normativa per rendere il sito attrattivo per futuri investimenti e attività produttive che portino un reale beneficio al territorio. Fai, Flai e Uila chiedono pertanto che la Regione Molise si faccia parte attiva per la continuazione del tavolo presso il Mise.

Articoli correlati

Pernigotti. Incontro congiunto al Ministero del lavoro

  Si è svolto questa mattina, in video conferenza, l’esame congiunto, presso il ministero del Lavoro, sulla vertenza Pernigotti al quale hanno partecipato, alla presenza anche del Mise, i rappresentanti nazionali e territoriali di Fai,...

Pesca. Ennesimo incidente mortale conferma la pericolosità del settore. Urgente applicare al comparto norme di sicurezza previste da Testo Unico 81

"La pesca rimane una delle professioni più pericolose al mondo e l'incidente di lunedì scorso, dove un pescatore ha perso la vita nel rovesciamento della vongolara su cui era imbarcato, conferma questo triste primato...

Vertenza BuCastelli – Alival. Fai, Flai, Uila: sciopero riuscito, dai lavoratori un segnale forte

“Sciopero riuscito oggi nei vari siti del gruppo BuCastelli – Alival a fronte della annunciata chiusura degli stabilimenti di Ponte Buggianese, Reggio Calabria e degli esuberi a Santa Rita. Forte il segnale arrivato dai...

Nel Gran Ghetto di Foggia tragedia annunciata, necessario agire su alloggi e trasporti

“Ancora, l’ennesima una tragedia annunciata, ancora una morte che poteva essere evitata se fossero messe in atto misure di accoglienza adeguate e se i lavoratori stranieri fossero in condizione di ricevere paghe adeguate”. Così...

Accordo integrativo Bat. Fai, Flai e Uila: “Misure innovative per sostenere le famiglie e contrastare l’inflazione”

Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil commentano con soddisfazione il nuovo accordo integrativo, per il quadriennio 2022-2025, sottoscritto con Bat, British American Tobacco Italia “che prevede misure di contrasto all’inflazione, in sostegno alle famiglie che...