HomeComunicatiXylella. Il lavoro grande assente del decreto agricoltura

Xylella. Il lavoro grande assente del decreto agricoltura

“Il lavoro e’ il grande assente del decreto agricoltura. Il Governo non può pensare di affrontare il problema della Xylella soltanto da un punto di vista tecnico-sanitario e prevedendo aiuti solo per le imprese colpite dal batterio, dimenticando che l’olivicoltura va avanti grazie al lavoro di migliaia di braccianti, a tempo determinato e indeterminato, i cui redditi sono fortemente compromessi”.

Così i sindacati agroalimentari Fai, Flai e Uila commentano la conversione in legge da parte del Senato del dl agricoltura, in cui mancano misure a tutela dell’occupazione e del reddito dei lavoratori delle imprese colpite dalla Xylella.

“Nel provvedimento non c’è traccia delle richieste che avevamo avanzato, anche in un incontro con il Capo di gabinetto del ministro delle politiche agricole Maurizio Martina. E, anche se con l’accoglimento dei due ordini del giorno, l’aula di Palazzo Madama ha impegnato il Governo a finanziare gli ammortizzatori sociali in deroga per la tutela del reddito dei lavoratori e ad adottare strumenti normativi per il riconoscimento ai braccianti a tempo determinato delle giornate lavorative sufficienti ad ottenere i benefici previdenziali, non basta” affermano i sindacati.

“I lavoratori agricoli meritano molta più attenzione di quella che gli è stata data finora” proseguono Fai, Flai e Uila a parere dei quali è quanto mai necessario dare attuazione al più presto alle richieste presentate e, in particolare, ad interventi derogatori ed aggiuntivi rispetto alla legge 223 del ’91 e alle misure ordinarie in caso di  calamità; al riconoscimento per gli operai a tempo indeterminato delle giornate dell’anno precedente esteso al 2013, se più favorevoli rispetto al 2014; ad un tavolo interministeriale ed un osservatorio regionale per monitorare il fenomeno e indirizzare gli interventi a beneficio dei lavoratori.

Articoli correlati

Flai Cgil all’assemblea nazionale dei Campi della legalità di Libera

All’Assemblea nazionale dei campi di impegno e formazione sui beni confiscati alla criminalità organizzata ‘E!State Liberi!’, all’Auditorium San Domenico di Roma, Jean-René Bilongo, capo dipartimento legalità Flai Nazionale e presidente dell’Osservatorio Placido Rizzotto, interviene...

Agricoltura. Fiatti: bene PAC Italia, insieme a condizionalità sociale deve creare buona occupazione

“Una buona notizia per il settore agricolo il via libera della Commissione europea al Piano Strategico Nazionale dell'Italia sulla Politica agricola comune (Pac), con un sostegno di oltre 35 miliardi di euro, tra contributi...

MEMORIA 2 Dicembre 1968. I fatti di Avola: la polizia spara sui braccianti

Sono all’undicesimo giorno di sciopero i braccianti siracusani e l’intervento armato della polizia altro non è che il tentativo delle forze agrarie di spezzare il movimento rivendicativo, di dare una lezione a tutti i...

6 e 7 dicembre a Roma seminario finale del progetto Di.Agr.A.M.M.I. di Legalità al centro-nord

In 30 mesi di attività di contrasto al caporalato e allo sfruttamento dei lavoratori migranti in agricoltura, ha aiutato oltre 20mila persone Si terrà il 6 e 7 dicembre 2022 nel Centro Congressi Roma Eventi...

Flai Cgil, altri nove bancali di cibo al Vaticano, solidarietà concreta per chi non arriva a fine mese

L’aumento sempre più marcato delle diseguaglianze, evidenziato da tutti i centri di ricerca, rende indispensabili interventi di solidarietà concreta. Contro vecchie e nuove povertà servono risposte decise, va in questa direzione la consegna da...