VOUCHER AGRICOLTURA. GALLI, DA CDM PRIMO IMPORTANTE PASSO IN AVANTI

 

“Il Decreto correttivo al Job Act, votato dal Cdm, che interviene anche sull’utilizzo dei voucher in agricoltura è un primo importante passo in avanti per contrastare il fenomeno dell’abuso dei voucher nel settore agricolo. Il risultato, ottenuto anche grazie al contributo della Commissione Lavoro della Camera, è il frutto della mobilitazione e delle lotte che, unitariamente, i sindacati hanno portato avanti insieme a tanti lavoratori come il 25 giugno scorso a Bari”. Lo dichiara Ivana Galli, Segretaria generale Flai Cgil nazionale. “Bene quindi l’aver riportato ad un tetto di 2000 euro il massimo di remunerazione annua per singolo committente e la comunicazione di avvio al lavoro entro tre giorni. Anche per il nostro settore maggiore tracciabilità equivale a meno abusi e usi distorti del voucher. Riteniamo – conclude Ivana Galli – che dopo l’entrata in vigore del Decreto, dovranno essere emanate nuove disposizioni applicative da parte del Ministero del Lavoro e dell’Inps per dare piena attuazione alla norma. Ricordiamo, infine, che in agricoltura i voucher sono previsti per studenti regolarmente iscritti a corsi di studio e pensionati, qualsiasi altro utilizzo è fuori da ogni regola e va a colpire un settore già fortemente esposto ai fenomeni di caporalato, sfruttamento, lavoro nero”.

Articoli correlati

Alessandra Stefani nuovo presidente del Cluster Nazionale Italia Foresta Legno

Una nomina fortemente voluta ed apprezzata da tutti i soci vista l'esperienza e la capacità di dialogo che Alessandra Stefani ha saputo dimostrare nel...

Lavoro e rischio calore, diritti e cassa integrazione

L’esposizione al calore può comportare malori anche gravi e aumento del rischio infortunistico. Nel periodo estivo dove si registrano temperature eccezionalmente elevate i rischi...

Cgil e Osservatorio Placido Rizzotto alla Cia Savona: «Negare il caporalato è grave, serve una battaglia comune»

«L’intervento della Cia di Savona riportato oggi dai media locali, secondo cui ad Albenga il caporalato non esisterebbe, non ci sorprende, ma ci preoccupa...