HomeComunicatiVoucher, a settembre nuovi presidi dei sindacati FAI, FLAI e UILA:...

Voucher, a settembre nuovi presidi dei sindacati FAI, FLAI e UILA: “Lavoro agricolo mortificato dal DL Dignità”

Dopo tre giorni di mobilitazione, la scorsa settimana, anche oggi Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil hanno svolto un presidio davanti Montecitorio per comunicare tutta la loro contrarietà all’ampliamento dell’uso dei voucher in agricoltura. A seguito degli incontri con i Presidenti delle Commissioni Lavoro di Camera e Senato e con la Commissione Agricoltura della Camera, i sindacati avevano anche chiesto un incontro con il Ministro del Lavoro Di Maio e scritto al Presidente della Camera Roberto Fico, affinché potesse intervenire, ma non è bastato.
“Siamo orgogliosi della mobilitazione unitaria a sostegno delle nostre proposte”, affermano i tre Segretari generali Rota (Fai Cisl), Galli (Flai Cgil) e Mantegazza (Uila Uil).
“Gli emendamenti – spiegano i tre sindacalisti – sono rimasti gli stessi, e con la conversione del decreto dignità diventeranno legge, dunque la nostra mobilitazione continua. A settembre avvieremo insieme una grande campagna di informazione con presidi su tutti i territori. Spiegheremo ai rappresentanti delle istituzioni, ai parlamentari e ai lavoratori, le drammatiche conseguenze dell’uso di questo strumento in agricoltura. Soprattutto, smentiremo le tante informazioni errate che sono state diffuse sull’argomento in questo periodo. La mancata tracciabilità dell’utilizzo dello strumento rimane uno degli elementi più gravi, così come continueremo a ritenere inaccettabile l’aver portato da tre a dieci giorni il tempo di utilizzo del voucher dopo la comunicazione all’Inps, con la possibilità di spalmare in questo arco di tempo le 4 ore di lavoro, e il venir meno del compenso minimo giornaliero oggi previsto. Tante imprese sane del settore, con questa estensione, subiranno la concorrenza sleale di chi conta, grazie ai voucher, di puntare sul lavoro nero e sullo sfruttamento”.
“Con la recente firma del nuovo contratto nazionale – concludono i sindacati – abbiamo messo a punto tutti gli strumenti per venire incontro alle esigenze di flessibilità delle imprese, ora i voucher consentiranno, di fatto, una copertura al lavoro nero. Pericolosa, infine, l’idea di demandare tutto all’autocertificazione, un fatto che deresponsabilizza le imprese e rende ricattabili i lavoratori. Il lavoro agricolo e la contrattazione escono mortificati da questo decreto, e ci batteremo ancora per ottenere in futuro la modifica delle norme introdotte”.

Articoli correlati

Pernigotti. Incontro congiunto al Ministero del lavoro

  Si è svolto questa mattina, in video conferenza, l’esame congiunto, presso il ministero del Lavoro, sulla vertenza Pernigotti al quale hanno partecipato, alla presenza anche del Mise, i rappresentanti nazionali e territoriali di Fai,...

Pesca. Ennesimo incidente mortale conferma la pericolosità del settore. Urgente applicare al comparto norme di sicurezza previste da Testo Unico 81

"La pesca rimane una delle professioni più pericolose al mondo e l'incidente di lunedì scorso, dove un pescatore ha perso la vita nel rovesciamento della vongolara su cui era imbarcato, conferma questo triste primato...

Vertenza BuCastelli – Alival. Fai, Flai, Uila: sciopero riuscito, dai lavoratori un segnale forte

“Sciopero riuscito oggi nei vari siti del gruppo BuCastelli – Alival a fronte della annunciata chiusura degli stabilimenti di Ponte Buggianese, Reggio Calabria e degli esuberi a Santa Rita. Forte il segnale arrivato dai...

Nel Gran Ghetto di Foggia tragedia annunciata, necessario agire su alloggi e trasporti

“Ancora, l’ennesima una tragedia annunciata, ancora una morte che poteva essere evitata se fossero messe in atto misure di accoglienza adeguate e se i lavoratori stranieri fossero in condizione di ricevere paghe adeguate”. Così...

Accordo integrativo Bat. Fai, Flai e Uila: “Misure innovative per sostenere le famiglie e contrastare l’inflazione”

Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil commentano con soddisfazione il nuovo accordo integrativo, per il quadriennio 2022-2025, sottoscritto con Bat, British American Tobacco Italia “che prevede misure di contrasto all’inflazione, in sostegno alle famiglie che...