Tragedia sfiorata a San Ferdinando, Mininni: “Basta proclami, lo Stato si assuma le sue responsabilità” 

Ennesimo incendio nella baraccopoli di San Ferdinando nella notte di Capodanno. Solo per un caso fortuito non ci sono state vittime né feriti.  “Un pessimo inizio d’anno per i giovani migranti che affollano il ghetto”, è amaro il commento di Giovanni Mininni, segretario generale Flai Cgil. “Questi insediamenti informali, che sono solo dei ghetti, vanno chiusi al più presto. Sono una vergogna per l’intero paese, devono essere smantellati, cancellati”. “Le leggi per farlo ci sono e anche le risorse – puntualizza Mininni – Le istituzioni devono assumersi le loro responsabilità, a partire dallo Stato per finire con gli enti locali, Regione Calabria in testa. La loro latitanza è incomprensibile. La prefettura di Reggio Calabria si attivi immediatamente. Chiudere i ghetti e dare accoglienza dignitosa, un tetto sulla testa, servizi igienici adeguati – conclude il segretario – è un inderogabile gesto di civiltà”.

Articoli correlati

La questione migratoria, il Pci e le sinistre nell’Italia del Novecento

Bilongo: “L’assenza odierna di una spinta progressista è sostituita da ideologie reazionarie che producono ostracismo e respingimenti” Nella storia delle Storie del mondo i migranti...

Fai, Flai e Uila Pesca incontrano il ministro Lollobrigida

Fai, Flai e Uila Pesca, insieme alle associazioni di categoria, hanno incontrato oggi presso il Masaf, il ministro Francesco Lollobrigida. Al centro dell’incontro le...

Ccnl industria alimentare, nuovo confronto a fine febbraio

Si è svolta a Roma la riunione plenaria, durata tre giorni, per il rinnovo del Ccnl dell’industria alimentare, scaduto a novembre 2023, che riguarda oltre 400mila...