Staffetta antifascista, il 24 marzo in bici alle Fosse Ardeatine

L’iniziativa – ad 80 anni dall’eccidio delle truppe di occupazione naziste – è promossa da esponenti delle organizzazioni pacifiste, sindacali, della solidarietà, dell’antifascismo insieme ad attori, registi, scrittori e cantanti. Partenza ore 10 da Piazza Vittorio Emanuele

In bicicletta come le staffette partigiane. Il 24 marzo alle ore 10 partirà dall’Esquilino una staffetta antifascista che toccherà alcuni luoghi simbolo della lotta di Liberazione: Piazza Vittorio Emanuele, Via Tasso, Porta San Paolo, Fosse Ardeatine. Soprattutto le Fosse Ardeatine, ad ottanta anni esatti dall’eccidio nazi-fascista del 1944. In questi luoghi, artisti e attori leggeranno brani, lettere, testimonianze della Resistenza.

In quei terribili anni, il ruolo della staffetta partigiana era spesso ricoperto da giovani donne tra i 16 e i 18 anni. Senza i collegamenti assicurati dalle staffette partigiane, la Resistenza al nazifascismo sarebbe stata ancora più difficile.

Oggi più che mai, in un pianeta dove la pestilenza delle guerre continua ad ammorbare il genere umano, mentre pericolosi fantasmi tornano a mostrarsi nel Vecchio Continente, con il loro carico di disumane discriminazioni, vogliamo diventare staffette della democrazia, della pace della solidarietà e dei diritti. Unire le lotte, costruire presidi di giustizia, difendere le minoranze, combattere le prevaricazioni. Per questo il 24 marzo si manifesta nel ricordo delle staffette partigiane, anche nel preciso intento di unire la lotta antifascista – quanto mai attuale – ai movimenti sociali e ambientali che si battono per un modello di sviluppo sostenibile, alternativo al neoliberismo, fondato sui diritti, la giustizia sociale e sul lavoro. Contro il fascismo, i nazionalismi, il razzismo, la guerra, il patriarcato.

La manifestazione è promossa da: Francesco Acquaroli, Marco Bellocchio, Sonia Bergamasco, Vinicio Capossela, Ascanio Celestini, Paolo Calabresi, Emma Dante, Giancarlo De Cataldo, don Luigi Ciotti (presidente di Libera), Elio Germano, Fabrizio Gifuni, Nicola Lagioia, Maurizio Landini (segretario generale della CGIL), Giulio Marcon (portavoce di Sbilanciamoci) Valerio Mastandrea, Rossella Miccio (presidente di Emergency), Tomaso Montanari, Moni Ovadia, Gianfranco Pagliarulo (presidente dell’Anpi), Andrea Pennacchi, Paolo Pierobon, Andrea Segre, Jasmine Trinca

Per chi vuole inviare la propria adesione come singoli o come organizzazioni, trovate qui il form da compilare:

Per chi vuole organizzare una staffetta antifascista anche in altre città e per altre informazioni:
info@sbilanciamoci.org / 06 8841880

Ufficio stampa:
frida.nacinovich@flai.it / 347 9196674

Articoli correlati

Agricoltura, alla vigilia del voto europeo si ‘semplifica’ la Pac con i datoriali senza consultare i sindacati

Coinu, Flai Cgil: “Gravissime le responsabilità del Commissario Wojciechowski rispetto al tentativo di affossamento del Green Deal” In queste ore Janusz Wojciechowski, Commissario Europeo all’Agricoltura,...

“Radici del passato, sguardi al futuro”, lunedì 8 aprile a Roma l’iniziativa per i vent’anni di Metes

Dal significato odierno della formazione sindacale a quello dell’insegnamento dell’italiano ai lavoratori migranti. Dal valore della ricerca per uno sviluppo sostenibile a quello dello...

Caporalato nelle vigne delle Langhe, Flai Cgil: “Da nord a sud, vitivinicolo sempre più spesso protagonista di cronache di sfruttamento. Situazione intollerabile, intervenire subito”

Guaraldi: “Inaccettabile che prodotti fiore all’occhiello delle produzioni agroalimentari del nostro paese siano macchiati del sangue dei lavoratori e delle lavoratrici” “Il caporalato e lo...