HomeComunicatiSistema allevatori. Fai, Flai, Uila. Si sta consumando l’ennesimo disastro

Sistema allevatori. Fai, Flai, Uila. Si sta consumando l’ennesimo disastro

In Sardegna, territorio particolarmente significativo per il settore dell’allevamento, arriva un drammatico e preoccupante segnale con l’improvvisa decisione di licenziare 13 lavoratori.
Fai, Flai e Uila ritengono i tredici licenziamenti dei dipendenti delle APA, Associazioni Provinciali Allevatori assolutamente inaccettabili.

“I lavoratori, che si sono visti inaspettatamente recapitare a casa le lettere di licenziamento, meritano rispetto e va salvaguardata la loro dignità e la loro storia occupazionale”. Lo dichiarano in una nota congiunta Raffaella Buonaguro, Segretaria nazionale Fai Cisl, Sara Palazzoli, Segretaria nazionale Flai Cgil e Gabriele De Gasperis, Segretario nazionale Uila Uil.
“È profonda l’amarezza per un metodo che, oltre a non coinvolgere le organizzazioni sindacali, non propone percorsi di sviluppo ma unicamente il taglio dei costi per il personale. E’ evidente la mancanza di capacità di riorganizzare il sistema con percorsi virtuosi che lo rilancino nel suo complesso: la centralizzazione che viene messa in campo non risponde alle necessità e alle peculiarità del territorio. Non si può pensare di rilanciare un settore con la riduzione dei posti di lavoro che diminuiscono le competenze e le attività al servizio del settore zootecnico. Per Fai, Flai e Uila i conti così con tornano. Non si va da nessuna parte definendo solo licenziamenti, questa è una strategia inaccettabile che mette in ginocchio i lavoratori e le loro famiglie”.
“Di fronte allo smantellamento del settore – proseguono i Segretari nazionali dei tre sindacati di categoria – desta stupore il silenzio dell’Associazione Italiana Allevatori, del Mipaaf, della Regione e delle Organizzazioni Datoriali. Tutti sono colpevoli ed incapaci di gestire un sistema complesso che ha sempre ben funzionato e che ora andrebbe solo rilanciato in un’ottica più ampia collocata nella dimensione europea. Viviamo un momento cruciale per il sistema allevatori e Fai, Flai, Uila non assisteranno al progressivo smantellamento di una nostra eccellenza, di un supporto necessario al nostro Made in Italy, con la conseguente dispersione delle tante professionalità esistenti”.
“Insieme alle organizzazioni sindacali territoriali e ai lavoratori – concludono – metteremo in campo tutto quello che sarà necessario per ridare dignità e futuro ai lavoratori e al sistema nel suo complesso”.

Articoli correlati

Flai Cgil all’assemblea nazionale dei Campi della legalità di Libera

All’Assemblea nazionale dei campi di impegno e formazione sui beni confiscati alla criminalità organizzata ‘E!State Liberi!’, all’Auditorium San Domenico di Roma, Jean-René Bilongo, capo dipartimento legalità Flai Nazionale e presidente dell’Osservatorio Placido Rizzotto, interviene...

Agricoltura. Fiatti: bene PAC Italia, insieme a condizionalità sociale deve creare buona occupazione

“Una buona notizia per il settore agricolo il via libera della Commissione europea al Piano Strategico Nazionale dell'Italia sulla Politica agricola comune (Pac), con un sostegno di oltre 35 miliardi di euro, tra contributi...

MEMORIA 2 Dicembre 1968. I fatti di Avola: la polizia spara sui braccianti

Sono all’undicesimo giorno di sciopero i braccianti siracusani e l’intervento armato della polizia altro non è che il tentativo delle forze agrarie di spezzare il movimento rivendicativo, di dare una lezione a tutti i...

6 e 7 dicembre a Roma seminario finale del progetto Di.Agr.A.M.M.I. di Legalità al centro-nord

In 30 mesi di attività di contrasto al caporalato e allo sfruttamento dei lavoratori migranti in agricoltura, ha aiutato oltre 20mila persone Si terrà il 6 e 7 dicembre 2022 nel Centro Congressi Roma Eventi...

Flai Cgil, altri nove bancali di cibo al Vaticano, solidarietà concreta per chi non arriva a fine mese

L’aumento sempre più marcato delle diseguaglianze, evidenziato da tutti i centri di ricerca, rende indispensabili interventi di solidarietà concreta. Contro vecchie e nuove povertà servono risposte decise, va in questa direzione la consegna da...