HomeComunicatiSistema allevatori. Fai, Flai, Uila. Si sta consumando l’ennesimo disastro

Sistema allevatori. Fai, Flai, Uila. Si sta consumando l’ennesimo disastro

In Sardegna, territorio particolarmente significativo per il settore dell’allevamento, arriva un drammatico e preoccupante segnale con l’improvvisa decisione di licenziare 13 lavoratori.
Fai, Flai e Uila ritengono i tredici licenziamenti dei dipendenti delle APA, Associazioni Provinciali Allevatori assolutamente inaccettabili.

“I lavoratori, che si sono visti inaspettatamente recapitare a casa le lettere di licenziamento, meritano rispetto e va salvaguardata la loro dignità e la loro storia occupazionale”. Lo dichiarano in una nota congiunta Raffaella Buonaguro, Segretaria nazionale Fai Cisl, Sara Palazzoli, Segretaria nazionale Flai Cgil e Gabriele De Gasperis, Segretario nazionale Uila Uil.
“È profonda l’amarezza per un metodo che, oltre a non coinvolgere le organizzazioni sindacali, non propone percorsi di sviluppo ma unicamente il taglio dei costi per il personale. E’ evidente la mancanza di capacità di riorganizzare il sistema con percorsi virtuosi che lo rilancino nel suo complesso: la centralizzazione che viene messa in campo non risponde alle necessità e alle peculiarità del territorio. Non si può pensare di rilanciare un settore con la riduzione dei posti di lavoro che diminuiscono le competenze e le attività al servizio del settore zootecnico. Per Fai, Flai e Uila i conti così con tornano. Non si va da nessuna parte definendo solo licenziamenti, questa è una strategia inaccettabile che mette in ginocchio i lavoratori e le loro famiglie”.
“Di fronte allo smantellamento del settore – proseguono i Segretari nazionali dei tre sindacati di categoria – desta stupore il silenzio dell’Associazione Italiana Allevatori, del Mipaaf, della Regione e delle Organizzazioni Datoriali. Tutti sono colpevoli ed incapaci di gestire un sistema complesso che ha sempre ben funzionato e che ora andrebbe solo rilanciato in un’ottica più ampia collocata nella dimensione europea. Viviamo un momento cruciale per il sistema allevatori e Fai, Flai, Uila non assisteranno al progressivo smantellamento di una nostra eccellenza, di un supporto necessario al nostro Made in Italy, con la conseguente dispersione delle tante professionalità esistenti”.
“Insieme alle organizzazioni sindacali territoriali e ai lavoratori – concludono – metteremo in campo tutto quello che sarà necessario per ridare dignità e futuro ai lavoratori e al sistema nel suo complesso”.

Articoli correlati

Pernigotti. Incontro congiunto al Ministero del lavoro

  Si è svolto questa mattina, in video conferenza, l’esame congiunto, presso il ministero del Lavoro, sulla vertenza Pernigotti al quale hanno partecipato, alla presenza anche del Mise, i rappresentanti nazionali e territoriali di Fai,...

Pesca. Ennesimo incidente mortale conferma la pericolosità del settore. Urgente applicare al comparto norme di sicurezza previste da Testo Unico 81

"La pesca rimane una delle professioni più pericolose al mondo e l'incidente di lunedì scorso, dove un pescatore ha perso la vita nel rovesciamento della vongolara su cui era imbarcato, conferma questo triste primato...

Vertenza BuCastelli – Alival. Fai, Flai, Uila: sciopero riuscito, dai lavoratori un segnale forte

“Sciopero riuscito oggi nei vari siti del gruppo BuCastelli – Alival a fronte della annunciata chiusura degli stabilimenti di Ponte Buggianese, Reggio Calabria e degli esuberi a Santa Rita. Forte il segnale arrivato dai...

Nel Gran Ghetto di Foggia tragedia annunciata, necessario agire su alloggi e trasporti

“Ancora, l’ennesima una tragedia annunciata, ancora una morte che poteva essere evitata se fossero messe in atto misure di accoglienza adeguate e se i lavoratori stranieri fossero in condizione di ricevere paghe adeguate”. Così...

Accordo integrativo Bat. Fai, Flai e Uila: “Misure innovative per sostenere le famiglie e contrastare l’inflazione”

Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil commentano con soddisfazione il nuovo accordo integrativo, per il quadriennio 2022-2025, sottoscritto con Bat, British American Tobacco Italia “che prevede misure di contrasto all’inflazione, in sostegno alle famiglie che...