Sfruttamento nell’arco ionico, Fiatti Flai Cgil: “Legge e finanziamenti ci sono, l’illegalità va combattuta sul serio. A partire dagli spostamenti”

La storia di Ana, arrivata dal Donbass e sfruttata nei campi, accende i riflettori su una piaga antica e mai curata

“La storia di Ana, arrivata dall’Ucraina per ricongiungersi ai familiari scappando dalla guerra e finita a lavorare sfruttata nei campi del Meridione, riaccende i riflettori su una vera e propria piaga, di cui sono vittime lavoratrici migranti arrivate dall’est europeo, dalla Romania, dalla Bulgaria, dall’Ucraina – spiega Davide Fiatti, segreteria nazionale Flai Cgil – lavoratrici spesso e volentieri sottopagate, in quella zona d’ombra che separa i contratti regolari dal lavoro nero, costrette anche a versare una gabella per gli spostamenti da casa alle aziende agricole e ritorno, perché né gli imprenditori né gli enti locali hanno messo in cantiere una logistica degna di questo nome. Vicende del genere, che si ripetono con triste regolarità, fanno capire il ruolo fondamentale delle Sezioni territoriali della rete del lavoro agricolo di qualità, istituite dalla legge 199 del 2016, che possono essere il luogo dove affrontare e sciogliere il nodo dei trasporti dei lavoratori agricoli. Non è un caso che Ana dovesse versare ogni giorno parte del salario al ‘tassista’ di turno”. L’arco ionico, ovvero le province di Taranto, Matera e Cosenza, è chiamato la California d’Italia perché clima e terra fertile favoriscono le coltivazioni di fragole, fave, pesche, albicocche, uva da tavola e agrumi, e le donne sono richieste per garantire la cura della frutta più delicata. Ma c’è un lato oscuro, quello delle condizioni di vita e di lavoro delle operaie agricole che in  Puglia, Basilicata e Calabria sono migliaia e migliaia. “Le leggi ci sono, devono essere rispettate. E anche i fondi ci sono e devono essere investiti, per evitare che le condizioni di bisogno di chi fugge da guerre, carestie, violenze di ogni genere facciano diventare le lavoratrici preda di caporali senza scrupoli”, conclude Fiatti.

Articoli correlati

Cgil e Osservatorio Placido Rizzotto alla Cia Savona: «Negare il caporalato è grave, serve una battaglia comune»

«L’intervento della Cia di Savona riportato oggi dai media locali, secondo cui ad Albenga il caporalato non esisterebbe, non ci sorprende, ma ci preoccupa...

Giornata del tesseramento, tutti i premiati dalla Flai nazionale

Si è svolta nell’ambito dell’Assemblea generale della Flai Cgil la Giornata del tesseramento, che ha visto la premiazione delle strutture regionali e territoriali che...

Caporalato nelle Langhe, Flai Cgil: “Non si tratta di episodi isolati, agire in fretta, a partire dalla piena applicazione della 199”

“L’operazione della Questura di Cuneo, che ha portato arresti e misure cautelari,   conferma una realtà denunciata e segnalata da anni dalla Flai Cgil...