“Questo accordo è un importante punto di arrivo ma anche un impegnativo punto di partenza”, commenta così la Segretaria nazionale della Flai, Sara Palazzoli l’accordo raggiunto ieri al MISE sulla filiera avicola del Molise e l’acquisizione dell’azienda GAM da parte di Amadori.
“Siamo contenti dell’accordo raggiunto, le nostre firme rappresentano la possibilità concreta per la ripartenza di uno stabilimento chiuso ormai da 4 anni con una nuova azienda che si è presentata con un piano d’investimenti serio ed importante, che avrà significative ricadute occupazionali su tutto il territorio molisano. Questo è un punto di partenza, una nuova fase in cui, se da una parte dovremo vigilare sull’attuazione di tutti gli impegni che Amadori ha garantito, dall’altra abbiamo la responsabilità sociale di tutelare in ogni modo possibile quei lavoratori che non saranno riassorbiti in azienda. Sarà nostro compito verificare l’attuazione di tutti gli strumenti di politiche attive che la Regione ha riportato negli accordi e garantire in ogni modo i diritti di tutti i 280 lavoratori GAM. Questi lavoratori – conclude Sara Palazzoli – che generosamente e responsabilmente hanno accettato un nuovo e delicatissimo piano industriale, devono essere tutelati in ogni modo, soprattutto a fronte di accordi che dovranno permettere il rilancio di un territorio e di una filiera così importante per tutta la regione”.