Settore Avicolo molisano. Determinante accordo per rilancio filiera

Nella tarda serata di ieri 28 Febbraio sono stati firmati, presso il Ministero dello Sviluppo Economico, gli accordi tra FAI Cisl, FLAI Cgil, UILA Uil, Agricola Vicentina e Regione Molise, per il rilancio della filiera avicola Molisana.
L’accordo sindacale prevede che Agricola Vicentina, società del gruppo Amadori, una volta perfezionato l’acquisto dei beni della GAM (Gestione Agroalimentare Molisana), avvii una stagione di investimenti che garantiranno un impatto positivo sul territorio, anche a livello occupazionale con la produzione di prodotti di alta gamma.
Su input delle Organizzazioni sindacali è stato firmato un accordo quadro fra Regione, OO.SS., Azienda e Ministero dello Sviluppo Economico. A fronte di un impegno della Regione Molise a mettere in atto tutti gli strumenti di politiche attive e di ammortizzatori sociali previsti per le aree di crisi industriale complessa, e di accelerare l’iter burocratico per l’avvio dei lavori, l’accordo quadro garantisce la verifica dei diversi impegni presso un Tavolo ministeriale.
“Con questo accordo – dichiarano Fai, Flai e Uila – si avvia un percorso che ridà speranza ad un territorio afflitto negl’ultimi anni dalla desertificazione industriale. Vigileremo sulla realizzazione degli investimenti e sullo stato di avanzamento dei lavori”.

Articoli correlati

La questione migratoria, il Pci e le sinistre nell’Italia del Novecento

Bilongo: “L’assenza odierna di una spinta progressista è sostituita da ideologie reazionarie che producono ostracismo e respingimenti” Nella storia delle Storie del mondo i migranti...

Fai, Flai e Uila Pesca incontrano il ministro Lollobrigida

Fai, Flai e Uila Pesca, insieme alle associazioni di categoria, hanno incontrato oggi presso il Masaf, il ministro Francesco Lollobrigida. Al centro dell’incontro le...

Ccnl industria alimentare, nuovo confronto a fine febbraio

Si è svolta a Roma la riunione plenaria, durata tre giorni, per il rinnovo del Ccnl dell’industria alimentare, scaduto a novembre 2023, che riguarda oltre 400mila...