HomeComunicatiSciopero Granarolo Bologna. Dichiarazione di Mauro Macchiesi

Sciopero Granarolo Bologna. Dichiarazione di Mauro Macchiesi

“I lavoratori della Granarolo di Bologna hanno proclamato, congiuntamente alle Federazioni Sindacali Fai Cisl, Flai Cgil, Uila Uil lo stato di agitazione e 32 ore di sciopero a sostegno di una vertenza che travalica i confini dello stabilimento e riguarda l’intero gruppo. È evidente che con la scelta operata dall’azienda in queste ultime settimane e cioè l’attuazione di esternalizzazione delle produzioni in stabilimenti fuori dal perimetro aziendale dello stabilimento e di gruppo, è un chiaro segnale che il piano industriale iniziato nel 2012 è in mezzo al pantano”. Lo dichiara Mauro Macchiesi, Segretario Nazionale Flai Cgil.

“Come Flai Cgil avevamo condiviso quel progetto di ristrutturazione e diversificazione produttiva, ma avevamo fortemente criticato la scelta di estremizzare la sua attuazione con una rincorsa ad acquisizioni in condizioni finanziare precarie e senza una logica coordinata del Business.

Il risultato di oggi è quello di un’azienda che non ha chiaro con quali investimenti intenda portare avanti il piano e su quale livello di business intenda collocarsi. La risposta che oggi vediamo è quella di rendere incerto il futuro dei livelli occupazionali, non esiste un piano che tende a saturare gli impianti. Nello Stabilimento di Bologna, come in altri, le RSU e il sindacato non si sono sottratti ad un confronto sui costi di produzione ma nel momento che abbiamo accettato questa sfida l’azienda ha spostato il tema facendo scelte unilaterali e mettendo in discussione l’occupazione, a cominciare dallo Stabilimento centrale ma, non solo, attualmente come Organizzazioni Sindacali siamo impegnati nella trattativa per il rinnovo dell’accordo integrativo di gruppo che ha come priorità la  qualità del lavoro e la missione produttiva di ogni singolo stabilimento dell’azienda”.

“Se le risposte aziendali sono di questo tipo – conclude Macchiesi- ci vedremo costretti ad intraprendere tutte quelle iniziative possibili a difesa di un’azienda strategica nella produzione del food nel nostro Paese e, se ben organizzata, può affermarsi con i propri brand nel Mondo”.

 

Roma, 8 marzo 2018

 

Articoli correlati

Donne: Filcams Flai Flc Fp, una panchina rossa contro la violenza, un’assunzione di responsabilità

Nella giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, Filcams, Flai, Flc e Fp Cgil insieme al Municipio XII di Roma hanno pitturato di rosso una panchina della città, in Largo Bernardino da...

Flai Cgil, altre sei tonnellate di generi alimentari al Vaticano per donare a chi ha bisogno

Un aiuto vero perché ‘solidarietà’ non sia solo una parola. La Flai Cgil ha consegnato alla Pontificia Elemosineria Apostolica altri nove bancali di generi alimentari (legumi, pasta, passate di pomodoro), per un totale di...

Alla Sapienza di Roma sindacalisti della Flai e studenti dell’Udu per dare una lezione a mafia e caporalato

Al suono della campanella, studenti e studentesse lasciano le aule della Sapienza di Roma e trovano dei volantini particolari. Sono quelli che loro coetanei dell’Unione degli universitari (Udu) e sindacalisti della Flai Cgil distribuiscono...

Flai Cgil al forum agroecologia di Legambiente per una transizione ambientale, energetica nel rispetto dei diritti sociali e del lavoro

Agroenergie, filiere made in Italy sostenibili e biologico al centro per una transizione ambientale, energetica e sociale del modello agricolo. Spinta su agrivoltaico e rinnovabili, riduzione del 62% dell’uso della chimica di sintesi, Piano...

Agricoltura. Sindacato europeo approva sanzioni per violazioni condizionalità sociale Pac

Il comitato esecutivo dell’Effat, il sindacato europeo del settore agricolo, riunito oggi a Bruxelles, ha ratificato la decisione assunta la scorsa settimana a Berlino da 26 sindacati di 19 paesi europei, approvando in via...