HomeComunicatiSciopero generale. Le fabbriche dell’agroindustria si fermano, i numeri di Flai e Uila

Sciopero generale. Le fabbriche dell’agroindustria si fermano, i numeri di Flai e Uila

 

 

Forte adesione allo sciopero generale da parte degli operai agricoli e forestali, dei consorzi di bonifica, dei lavoratori della pesca e dell’agroindustria. In particolare alcuni dati raccolti, non ancora esaustivi della partecipazione su tutto il territorio nazionale, confermano che nelle fabbriche l’adesione è stata molto elevata: Pastificio Granoro Bari 91%, La Doria di Fisciano 100%, Fiordagosto Muti 100%, Sammontana Empoli 87%, Pernigotti Novi Ligure 80%, Conserve Italia Ravenna 100%, Parmareggio Modena 85%, Vandermortelee Genova 90%, Appetays 80%. 

Una mobilitazione riuscita, che ha messo insieme lavoratrici e lavoratori di tutta Italia, convinti che il governo Draghi può e deve tenere maggiormente in considerazione i bisogni e le esigenze di chi per vivere deve lavorare. Flai Cgil e Uila Uil sono soddisfatte, le adesioni sono altissime: Grandi Salumifici Italiani Modena 80%, Acqua Panna Firenze 90%, Sibeg Catania 73%, Campari Novi Ligure 70%, Lavazza Settimo torinese 80%, Heineken Taranto 70%, Vicenzi Verona 70%., Granarolo 70%. Forte l’adesione anche in aziende come Barilla e Parmalat. Numeri di aziende all’avanguardia, emblema del Made in Italy nel mondo, che fanno capire quanto lo sciopero proclamato da Cgil e Uil abbia intercettato positivamente il mondo del lavoro. Marchi di prodotti conosciuti, e apprezzati dalle famiglie italiane e non solo, dietro i quali ci sono donne e uomini in carne e ossa che chiedono di essere rispettati.

Articoli correlati

Agricoltura. Fiatti: bene PAC Italia, insieme a condizionalità sociale deve creare buona occupazione

“Una buona notizia per il settore agricolo il via libera della Commissione europea al Piano Strategico Nazionale dell'Italia sulla Politica agricola comune (Pac), con un sostegno di oltre 35 miliardi di euro, tra contributi...

MEMORIA 2 Dicembre 1968. I fatti di Avola: la polizia spara sui braccianti

Sono all’undicesimo giorno di sciopero i braccianti siracusani e l’intervento armato della polizia altro non è che il tentativo delle forze agrarie di spezzare il movimento rivendicativo, di dare una lezione a tutti i...

6 e 7 dicembre a Roma seminario finale del progetto Di.Agr.A.M.M.I. di Legalità al centro-nord

In 30 mesi di attività di contrasto al caporalato e allo sfruttamento dei lavoratori migranti in agricoltura, ha aiutato oltre 20mila persone Si terrà il 6 e 7 dicembre 2022 nel Centro Congressi Roma Eventi...

Flai Cgil, altri nove bancali di cibo al Vaticano, solidarietà concreta per chi non arriva a fine mese

L’aumento sempre più marcato delle diseguaglianze, evidenziato da tutti i centri di ricerca, rende indispensabili interventi di solidarietà concreta. Contro vecchie e nuove povertà servono risposte decise, va in questa direzione la consegna da...

Agricoltura: BioAs e Osservatorio Placido Rizzotto insieme per contrastare concretamente il caporalato e ogni forma di sfruttamento

Per fermare il caporalato e lo sfruttamento in agricoltura le leggi sono importanti ma ci vogliono azioni concrete.  L’accordo siglato ieri tra l’Osservatorio Placido Rizzotto e BioAs (Associazione Nazionale Bio Agricoltura Sociale), va proprio in...