Sahara Occidentale. Ruffolo (Flai Cgil), riparta il processo di pace

 

“Dopo 29 anni, la notte del 12 Novembre, l’esercito marocchino rompe il cessate il fuoco ed entra nella zona cuscinetto, sotto il controllo delle nazioni unite, denominata EL GUERGUERAT, per colpire la popolazione civile del Saharawi che manifestava pacificamente.L’esercito del POLISARIO sta rispondendo, in queste ore in forma militare.

La Flai Cgil fa appello alle parti affinché si fermi la spirale del conflitto armato, evitando una escalation incontrollabile”. Così in una nota Pietro Ruffolo, responsabile delle Politiche Internazionali della Flai Cgil.

“È indispensabile che si faccia ripartire il processo di pace sulla base delle Risoluzioni del Consiglio di Sicurezza ONU e degli impegni assunti da Marocco, Algeria, Mauritania e Polisario. L’Onu nomini, immediatamente, il nuovo inviato – conclude Pietro Ruffolo – incarico ad oggi rimasto scoperto, per la ripresa del processo di pace come ha dichiarato la Rete Italiana per la Pace e Disarmo”.

 

Articoli correlati

Rinnovato il Protocollo aggiuntivo per il personale operaio assunto dal CUFAA: “Soddisfazione per recepimento CCNL Forestali, primo passo per valorizzazione comparto”

Si sono incontrati oggi a Roma, presso il Comando Unità Forestali Ambientali ed Agroalimentari Carabinieri, alla presenza del Generale C.A. Andrea Rispoli, Comandante del...

La questione migratoria, il Pci e le sinistre nell’Italia del Novecento

Bilongo: “L’assenza odierna di una spinta progressista è sostituita da ideologie reazionarie che producono ostracismo e respingimenti” Nella storia delle Storie del mondo i migranti...

Fai, Flai e Uila Pesca incontrano il ministro Lollobrigida

Fai, Flai e Uila Pesca, insieme alle associazioni di categoria, hanno incontrato oggi presso il Masaf, il ministro Francesco Lollobrigida. Al centro dell’incontro le...