HomeComunicatiRegolarizzazione. Bilongo, non si gioca a braccio di ferro sulla pelle dei...

Regolarizzazione. Bilongo, non si gioca a braccio di ferro sulla pelle dei più deboli

“Il dibattito in corso sui migranti lascia un profondo senso di delusione e di smarrimento, con l’insidioso rischio di accostare i migranti a dei paria, condannati a vivere perpetuamente ai margini della collettività, esclusi dalla partecipazione democratica. La regolarizzazione è necessaria prima di tutto per ovvie ragioni di tutela dell’incolumità individuale dei migranti, oltre che per innegabili esigenze di prevenzione della salute collettiva”.Lo dichiara Jean-René Bilongo, dipartimento Inclusione Flai-Cgil e coordinatore Osservatorio Placido Rizzotto.

“Non possiamo abbandonare questo pezzo di umanità a un destino segnato. Nonostante la terribile minaccia del coronavirus, gli invisibili hanno continuato a lavorare alacremente, con straordinaria abnegazione, senza diritti né tutele, alla mercé degli aguzzini”.

“Dalla cronaca, – prosegue Bilongo – rimbalzano quotidianamente notizie di arresti in varie parti d’Italia che parlano da sé: il caporalato e lo sfruttamento non vanno in quarantena anzi, ci speculano, macinando i più deboli.Negare oggi la regolarizzazione equivale a gettare sale sulle purulente piaghe dello sfruttamento e del caporalato. La politica batta un colpo: non si gioca a braccio di ferro sulla pelle dei più deboli. Dobbiamo invece lavorare a un’emersione agevolata, privilegiando il buon senso rispetto a considerazioni di altra natura che rischiano lasciare intaccate le criticità che riducono migliaia di donne e uomini a semplici oggetti e arnesi di lavoro. Né la coscienza collettiva, né la democrazia possono tollerarlo”.

 

Articoli correlati

Flai Cgil all’assemblea nazionale dei Campi della legalità di Libera

All’Assemblea nazionale dei campi di impegno e formazione sui beni confiscati alla criminalità organizzata ‘E!State Liberi!’, all’Auditorium San Domenico di Roma, Jean-René Bilongo, capo dipartimento legalità Flai Nazionale e presidente dell’Osservatorio Placido Rizzotto, interviene...

Agricoltura. Fiatti: bene PAC Italia, insieme a condizionalità sociale deve creare buona occupazione

“Una buona notizia per il settore agricolo il via libera della Commissione europea al Piano Strategico Nazionale dell'Italia sulla Politica agricola comune (Pac), con un sostegno di oltre 35 miliardi di euro, tra contributi...

MEMORIA 2 Dicembre 1968. I fatti di Avola: la polizia spara sui braccianti

Sono all’undicesimo giorno di sciopero i braccianti siracusani e l’intervento armato della polizia altro non è che il tentativo delle forze agrarie di spezzare il movimento rivendicativo, di dare una lezione a tutti i...

6 e 7 dicembre a Roma seminario finale del progetto Di.Agr.A.M.M.I. di Legalità al centro-nord

In 30 mesi di attività di contrasto al caporalato e allo sfruttamento dei lavoratori migranti in agricoltura, ha aiutato oltre 20mila persone Si terrà il 6 e 7 dicembre 2022 nel Centro Congressi Roma Eventi...

Flai Cgil, altri nove bancali di cibo al Vaticano, solidarietà concreta per chi non arriva a fine mese

L’aumento sempre più marcato delle diseguaglianze, evidenziato da tutti i centri di ricerca, rende indispensabili interventi di solidarietà concreta. Contro vecchie e nuove povertà servono risposte decise, va in questa direzione la consegna da...