HomeComunicatiProduttività. Flai Cgil, manovra Governo danneggia lavoratori e attacca contrattazione II° livello

Produttività. Flai Cgil, manovra Governo danneggia lavoratori e attacca contrattazione II° livello

Ancora una volta a pagare sono i lavoratori, che, a fronte di un beneficio fiscale di circa il 15%, subiscono una penalizzazione previdenziale del 30%

“La manovra correttiva del Governo (decreto legge 50/2017), nella misura relativa ai Premi di produttività, danneggia i lavoratori, attacca la contrattazione di secondo livello e mette in discussione uno dei pilastri che lo stesso Governo aveva costruito per aumentare la produttività”. Lo dichiara Mauro Macchiesi, Segretario Nazionale Flai Cgil.
“In realtà, decidendo di decontribuire la parte dei Premi di Produzione legati al coinvolgimento paritetico nell’organizzazione del lavoro, in un settore come quello dell’Industria e Cooperazione alimentare, mette in discussione una consolidata contrattazione di secondo livello che coinvolge circa 34.000 lavoratori e tutte le grandi Aziende nazionali e multinazionali del settore”.
“Ancora una volta – spiega Macchiesi – a pagare sono i lavoratori, che, a fronte di un beneficio fiscale di circa il 15%, subiscono una penalizzazione previdenziale del 30%, mentre le aziende ne avrebbero un beneficio solo apparente perché evidentemente viene meno lo spirito della legge di creare un interesse congiunto. Se i Premi di Produzione dovessero rimanere per lungo tempo privi della contribuzione, i lavoratori avrebbero una penalizzazione sull’assegno pensionistico di 40/60 euro mensili a seconda della condizione di ogni singolo dipendente.
Dal Governo uno strano modo di sostenere la tanto decantata contrattazione di secondo livello e di recuperare la produttività, che in Italia è tra le più basse d’Europa. Ci auguriamo che il Parlamento modifichi questa decisione assunta dal Governo, una decisione affatto vantaggiosa per i lavoratori e dannosa per il sistema industriale del Paese”.

Articoli correlati

Agricoltura. Fiatti: bene PAC Italia, insieme a condizionalità sociale deve creare buona occupazione

“Una buona notizia per il settore agricolo il via libera della Commissione europea al Piano Strategico Nazionale dell'Italia sulla Politica agricola comune (Pac), con un sostegno di oltre 35 miliardi di euro, tra contributi...

MEMORIA 2 Dicembre 1968. I fatti di Avola: la polizia spara sui braccianti

Sono all’undicesimo giorno di sciopero i braccianti siracusani e l’intervento armato della polizia altro non è che il tentativo delle forze agrarie di spezzare il movimento rivendicativo, di dare una lezione a tutti i...

6 e 7 dicembre a Roma seminario finale del progetto Di.Agr.A.M.M.I. di Legalità al centro-nord

In 30 mesi di attività di contrasto al caporalato e allo sfruttamento dei lavoratori migranti in agricoltura, ha aiutato oltre 20mila persone Si terrà il 6 e 7 dicembre 2022 nel Centro Congressi Roma Eventi...

Flai Cgil, altri nove bancali di cibo al Vaticano, solidarietà concreta per chi non arriva a fine mese

L’aumento sempre più marcato delle diseguaglianze, evidenziato da tutti i centri di ricerca, rende indispensabili interventi di solidarietà concreta. Contro vecchie e nuove povertà servono risposte decise, va in questa direzione la consegna da...

Agricoltura: BioAs e Osservatorio Placido Rizzotto insieme per contrastare concretamente il caporalato e ogni forma di sfruttamento

Per fermare il caporalato e lo sfruttamento in agricoltura le leggi sono importanti ma ci vogliono azioni concrete.  L’accordo siglato ieri tra l’Osservatorio Placido Rizzotto e BioAs (Associazione Nazionale Bio Agricoltura Sociale), va proprio in...