HomeComunicatiPrevidenza. Parte la campagna “Una firma per proteggere la tua pensione e...

Previdenza. Parte la campagna “Una firma per proteggere la tua pensione e i tuoi diritti”

La Flai Cgil ha lanciato oggi la campagna per la raccolta di firme sulla previdenza nel settore agricolo e dell’industria alimentare.
“Il sistema pensionistico italiano penalizza il lavoro stagionale e discontinuo, che è tipico dell’agricoltura e dell’industria alimentare, ed è arrivato il momento di fare le opportune modifiche”. Così Sara Palazzoli, Segretaria nazionale Flai Cgil, ha spiegato in conferenza stampa le ragioni di questa raccolta firme.
“Con la riforma Fornero, che ha allungato l’età pensionabile, i lavoratori assunti dal 1° gennaio 1996 vanno in pensione col sistema contributivo. Tra i requisiti per accedere alla pensione di vecchiaia, oltre a quello anagrafico e ai 20 anni di contributi, c’è anche quello di avere un importo della pensione pari a 1,5 volte l’assegno sociale, che nel 2017 è di 448 euro” spiega Palazzoli: “In agricoltura, a causa della stagionalità e della precarietà del lavoro, oltre che dei bassi salari, è praticamente impossibile riuscire a raggiungere quel requisito. Un lavoratore agricolo, dopo anni di fatica e di sacrifici, rischia di andare in pensione a 70 anni con appena 120 euro. Tutto questo è ovviamente inaccettabile”.
L’altro pilastro della campagna Flai, è l’allargamento della platea delle attività “gravose” per l’accesso all’Ape sociale. “Tra le categorie sono state inspiegabilmente escluse alcune lavorazioni del settore agroalimentare che sono assolutamente gravose: penso a chi lavora nelle serre e nei campi, agli addetti alla trasformazione delle carni, che svolgono lavori pesanti e ripetitivi, in ambienti troppo caldi o troppo freddi, ai lavoratori della pesca. Noi chiediamo che a questi lavoratori vadano riconosciuti i benefici dell’Ape e dell’anticipo pensionistico”.
Alla conferenza stampa è intervenuto anche Ivano Gualerzi, Segretario nazionale organizzativo Flai Cgil, che ha annunciato la presenza dei primi punti di raccolta firme a partire da domani e ha lanciato l’obiettivo di 500mila firme da raccogliere nei prossimi due mesi.

Articoli correlati

Pernigotti. Incontro congiunto al Ministero del lavoro

  Si è svolto questa mattina, in video conferenza, l’esame congiunto, presso il ministero del Lavoro, sulla vertenza Pernigotti al quale hanno partecipato, alla presenza anche del Mise, i rappresentanti nazionali e territoriali di Fai,...

Pesca. Ennesimo incidente mortale conferma la pericolosità del settore. Urgente applicare al comparto norme di sicurezza previste da Testo Unico 81

"La pesca rimane una delle professioni più pericolose al mondo e l'incidente di lunedì scorso, dove un pescatore ha perso la vita nel rovesciamento della vongolara su cui era imbarcato, conferma questo triste primato...

Vertenza BuCastelli – Alival. Fai, Flai, Uila: sciopero riuscito, dai lavoratori un segnale forte

“Sciopero riuscito oggi nei vari siti del gruppo BuCastelli – Alival a fronte della annunciata chiusura degli stabilimenti di Ponte Buggianese, Reggio Calabria e degli esuberi a Santa Rita. Forte il segnale arrivato dai...

Nel Gran Ghetto di Foggia tragedia annunciata, necessario agire su alloggi e trasporti

“Ancora, l’ennesima una tragedia annunciata, ancora una morte che poteva essere evitata se fossero messe in atto misure di accoglienza adeguate e se i lavoratori stranieri fossero in condizione di ricevere paghe adeguate”. Così...

Accordo integrativo Bat. Fai, Flai e Uila: “Misure innovative per sostenere le famiglie e contrastare l’inflazione”

Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil commentano con soddisfazione il nuovo accordo integrativo, per il quadriennio 2022-2025, sottoscritto con Bat, British American Tobacco Italia “che prevede misure di contrasto all’inflazione, in sostegno alle famiglie che...