HomeComunicatiPresentata Piattaforma rinnovo CCNL addetti imbarcati pesca marittima

Presentata Piattaforma rinnovo CCNL addetti imbarcati pesca marittima

“Si è svolta lunedì 22 novembre 2021 la riunione plenaria per la presentazione, alle controparti Federpesca e Coldiretti, della piattaforma per il rinnovo contrattuale del CCNL per gli addetti imbarcati della pesca marittima 2022-2025, in scadenza il 31 dicembre, già approvata dalle lavoratrici e dai lavoratori del settore pesca”.  Ne danno notizia in una nota Fai Cisl, Flai Cgil, Uila Pesca.

“Si tratta di un importante tavolo contrattuale, che interessa una platea di circa 20 mila operatori del settore e che si svolge in un momento storico complicato per quanto riguarda le congiunture economiche legate agli aumenti dei costi di produzione ed alle norme comunitarie volte al contenimento dello sforzo di pesca che impattano sul comparto”.

Le Organizzazioni Sindacali hanno sottolineato come “l’intero settore della pesca potrà continuare ad avere ossigeno soltanto se il contratto sarà affiancato da una riforma, ormai non più derogabile, degli ammortizzatori sociali come strumento essenziale a garantirne la sostenibilità sociale ed economica”.

“Tra i punti qualificanti della Piattaforma si sottolinea il rafforzamento, in primo luogo, dei sistemi di relazione sindacali soprattutto in materia di valorizzazione della contrattazione di secondo livello. Sono ancora pochi, infatti, gli accordi che insistono sulle varie marinerie italiane o gli accordi su base regionale. Crediamo sia necessaria una contrattazione integrativa che possa dare slancio alle specificità di ogni territorio”.

“Importante – proseguono i sindacati – il capitolo sulla retribuzione, rivedendone la struttura, attraverso una richiesta che mira a “mensilizzare” il minimo monetario garantito, (MMG) e ad elargire la “quota parte” su base mensile, per favorire in primo luogo la trasparenza sul calcolo di quest’ultima”.

“L’incontro – concludono Fai, Flai e Uila Pesca – si è svolto in un clima di reciproco affidamento tra le controparti, nella convinzione che la contrattazione collettiva può costituire anche un momento nel quale proporre una visione innovativa relativa alle prospettive di sviluppo e di rilancio del comparto”.

Articoli correlati

Bracciante morta di fatica, processo entra nel vivo. “Mai più tragedie come quelle di Paola Clemente”

La tragedia di Paola Clemente, morta di fatica sei anni fa, torna in un’aula di giustizia. E al processo per omicidio colposo a carico di Luigi Terrone, titolare dell'azienda ortofrutta di Corato (Bari) per...
mobilitazione-31-marzo

Pernigotti. Incontro al Mise non risolutivo, servono fatti concreti per rilanciare lavoro e produzione

“Apprezziamo che per la prima volta dopo anni la proprietà Pernigotti abbia preso parte a una riunione in sede istituzionale, è un segnale importante, non siamo però soddisfatti delle risposte che ci sono state...

PAC. MININNI,  CONDIZIONALITA’ SOCIALE IMPORTANTE RISULTATO 

“Con il voto di ieri il Parlamento europeo ha approvato la riforma della PAC che, per la prima volta, inserisce misure che guardano anche alle condizioni di milioni di lavoratori agricoli in Europa”. Lo...

La “condizionalità sociale” nella nuova PAC 

Conferenza stampa con De Castro, Picierno, Somaglia, Rota, Mininni e Mantegazza Mercoledì 24 novembre, ore 10.00 su piattaforma Gotomeeting   Il parlamento europeo ha approvato, in via definitiva, l’accordo politico raggiunto nello scorso mese di giugno dal...

Presentata Piattaforma rinnovo CCNL addetti imbarcati pesca marittima

“Si è svolta lunedì 22 novembre 2021 la riunione plenaria per la presentazione, alle controparti Federpesca e Coldiretti, della piattaforma per il rinnovo contrattuale del CCNL per gli addetti imbarcati della pesca marittima 2022-2025,...