HomeComunicatiPesca, Sindacati: inaccettabile mancanza di confronto su indennizzo

Pesca, Sindacati: inaccettabile mancanza di confronto su indennizzo

Potremmo definire come normative fantasma il decreto interministeriale del 21 dicembre relativo all’indennità in favore dei dipendenti e soci/ lavoratori di cooperative per il fermo biologico 2017 e la circolare esplicativa circa le modalità di erogazione di tale indennità.
Si tratta di atti normativi prodotti senza il confronto con le parti sociali, nonostante le innumerevoli richieste di incontro e chiarimento avanzate dal Sindacato e dalle Associazioni di categoria, che avevano come obiettivo quello di garantire modalità di gestione ed erogazione delle prestazioni semplici, a tutela del diritto dei lavoratori.
Il decreto e la circolare sopracitata rivoluzionano la pratica consolidata degli accordi in sede sindacale, da sempre elemento di certezza per i lavoratori e di snellimento della burocrazia, e rendono assai complesso l’iter per ottenere tale indennità.
Anzitutto il periodo entro cui produrre perentoriamente la documentazione, 1 gennaio- 31 gennaio, pena la decadenza dell’istanza, non tiene conto del fatto che, oltre alla documentazione da produrre da parte dell’impresa, si rischiano possibili rallentamenti burocratici, vista la necessaria certificazione da parte delle autorità marittime competenti, che se non ricevono indicazioni precise da parte del Mipaaf e del comando generale delle capitanerie di porto, potrebbero non attivarsi in tempi così brevi.
A questo si aggiunge che il decreto e la connessa circolare evidenziano che la somma indicata deve intendersi come prestazione sostitutiva e non integrativa della retribuzione,senza la relativa copertura previdenziale.
Il coinvolgimento del Sindacato e delle Associazioni di categorie da parte dei Ministeri competenti avrebbe permesso agli stessi di comprendere le specificità del settore ed evitare difetti di interpretazione nell’applicazione della normativa, che ad oggi verosimilmente si determineranno in assenza di un accordo tra le Parti sociali.
Come Fai Flai e Uila Pesca riteniamo tutto questo inaccettabile e ribadiamo con forza la necessità di un immediato incontro con i ministeri competenti.

Articoli correlati

Donne: Filcams Flai Flc Fp, una panchina rossa contro la violenza, un’assunzione di responsabilità

Nella giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, Filcams, Flai, Flc e Fp Cgil insieme al Municipio XII di Roma hanno pitturato di rosso una panchina della città, in Largo Bernardino da...

Flai Cgil, altre sei tonnellate di generi alimentari al Vaticano per donare a chi ha bisogno

Un aiuto vero perché ‘solidarietà’ non sia solo una parola. La Flai Cgil ha consegnato alla Pontificia Elemosineria Apostolica altri nove bancali di generi alimentari (legumi, pasta, passate di pomodoro), per un totale di...

Alla Sapienza di Roma sindacalisti della Flai e studenti dell’Udu per dare una lezione a mafia e caporalato

Al suono della campanella, studenti e studentesse lasciano le aule della Sapienza di Roma e trovano dei volantini particolari. Sono quelli che loro coetanei dell’Unione degli universitari (Udu) e sindacalisti della Flai Cgil distribuiscono...

Flai Cgil al forum agroecologia di Legambiente per una transizione ambientale, energetica nel rispetto dei diritti sociali e del lavoro

Agroenergie, filiere made in Italy sostenibili e biologico al centro per una transizione ambientale, energetica e sociale del modello agricolo. Spinta su agrivoltaico e rinnovabili, riduzione del 62% dell’uso della chimica di sintesi, Piano...

Agricoltura. Sindacato europeo approva sanzioni per violazioni condizionalità sociale Pac

Il comitato esecutivo dell’Effat, il sindacato europeo del settore agricolo, riunito oggi a Bruxelles, ha ratificato la decisione assunta la scorsa settimana a Berlino da 26 sindacati di 19 paesi europei, approvando in via...