Pesca. Flai Cgil, bene legge Salva Mare

“Bene l’approvazione al Senato della legge Salva Mare, una legge che risponde ad anni di proteste dei pescatori italiani che vedevano nell’inquinamento non solo un nemico da combattere quotidianamente per tutelare il loro luogo di lavoro, ma anche, un aggravio dello stesso. I danni alle reti e il lavoro per la loro pulizia, ad esempio, fanno parte di quelle voci che influiscono negativamente sul bilancio della redditività del settore”. Lo dichiara in una nota Antonio Pucillo della Flai Cgil nazionale.

“In questi anni come Flai, anche con due specifici studi sull’inquinamento dei nostri mari e degli effetti ad esso legati, abbiamo più volte denunciato questa situazione ed esprimiamo soddisfazione per l’approvazione della legge. Ora bisogna sviluppare velocemente i centri di raccolta e la filiera per lo smaltimento dei rifiuti pescati in tutti i porti, senza incorrere in sanzioni, sia in mare che in acque interne, e permettere ai pescatori di svolgere un ruolo a tutela dell’ambiente e di salvaguardia del mare, che tutti noi abbiamo contribuito ad inquinare”.

“Siamo consapevoli – conclude Pucillo – che questa importante novità non risolve i problemi di un settore in enorme difficoltà ma apre una nuova possibilità professionale che potrà affiancare quella della pesca, che deve rimanere la principale. E in questo senso è urgente intervenire per rendere esigibili la Cisoa pesca e tutte quelle misure messe in campo per mitigare l’incremento del costo del gasolio”.

 

Articoli correlati

La questione migratoria, il Pci e le sinistre nell’Italia del Novecento

Bilongo: “L’assenza odierna di una spinta progressista è sostituita da ideologie reazionarie che producono ostracismo e respingimenti” Nella storia delle Storie del mondo i migranti...

Fai, Flai e Uila Pesca incontrano il ministro Lollobrigida

Fai, Flai e Uila Pesca, insieme alle associazioni di categoria, hanno incontrato oggi presso il Masaf, il ministro Francesco Lollobrigida. Al centro dell’incontro le...

Ccnl industria alimentare, nuovo confronto a fine febbraio

Si è svolta a Roma la riunione plenaria, durata tre giorni, per il rinnovo del Ccnl dell’industria alimentare, scaduto a novembre 2023, che riguarda oltre 400mila...