HomeComunicatiPesca. Fai, Flai, Uila Pesca su Decreto "Cura Italia"

Pesca. Fai, Flai, Uila Pesca su Decreto “Cura Italia”

Esprimiamo soddisfazione per il decreto “Cura Italia” che accoglie le istanze del settore ittico e, forse per la prima volta, non lo “lascia indietro” rispetto agli altri comparti produttivi.

In particolare, l’estensione della CIG in deroga alla pesca, indipendentemente dal numero degli imbarcati, è un segnale evidente di come il Governo abbia considerato la pesca tra i settori maggiormente bisognosi di sostegno, non solo economico. Su questa partita ci aspettiamo che le Regioni procedano con la stessa celerità e urgenza con la quale sta operando il Governo.

L’istituzione di un fondo di 100 milioni di euro per coprire, tra gli altri, i costi per l’arresto temporaneo dell’attività di pesca rappresenta un adeguato sostegno per poter attendere, con minore preoccupazione, l’esaurirsi della crisi in atto e prepararsi al suo rilancio; analoga considerazione vale anche per le indennità a favore delle partite IVA, di cui potranno beneficiare le ditte individuali.

Anche il settore dell’acquacoltura, assimilato a quello agricolo, beneficerà di adeguati strumenti di sostegno, a cominciare dalle indennità previste per i lavoratori a tempo determinato fino a tutte le misure specifiche per i lavoratori a tempo indeterminato previste per il settore agricolo.

Sono misure importanti che dimostrano l’attenzione del paese verso il nostro settore, sufficienti però ad assicurare un sostegno adeguato solo se l’orizzonte temporale della crisi non dovesse estendersi.

L’impegno di tutti, ora, deve essere quello di utilizzare il tempo che abbiamo a disposizione per immaginare un nuovo futuro per la pesca in un contesto diverso da quello che abbiamo conosciuto, nel quale, finita l’emergenza, vengano garantiti a tutti i lavoratori del settore degli ammortizzatori sociali strutturati, indispensabili per far fronte alle molteplici cause di sospensione dell’attività lavorativa indipendenti dalla volontà del datore di lavoro.

Alle Regioni chiediamo di attivarsi per rendere subito operative le previsioni dell’articolo 22 del decreto “Cura Italia” e mettere in campo tutti gli strumenti ordinari e straordinari per ridare respiro al settore, prima che sia troppo tardi.

Articoli correlati

Donne: Filcams Flai Flc Fp, una panchina rossa contro la violenza, un’assunzione di responsabilità

Nella giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, Filcams, Flai, Flc e Fp Cgil insieme al Municipio XII di Roma hanno pitturato di rosso una panchina della città, in Largo Bernardino da...

Flai Cgil, altre sei tonnellate di generi alimentari al Vaticano per donare a chi ha bisogno

Un aiuto vero perché ‘solidarietà’ non sia solo una parola. La Flai Cgil ha consegnato alla Pontificia Elemosineria Apostolica altri nove bancali di generi alimentari (legumi, pasta, passate di pomodoro), per un totale di...

Alla Sapienza di Roma sindacalisti della Flai e studenti dell’Udu per dare una lezione a mafia e caporalato

Al suono della campanella, studenti e studentesse lasciano le aule della Sapienza di Roma e trovano dei volantini particolari. Sono quelli che loro coetanei dell’Unione degli universitari (Udu) e sindacalisti della Flai Cgil distribuiscono...

Flai Cgil al forum agroecologia di Legambiente per una transizione ambientale, energetica nel rispetto dei diritti sociali e del lavoro

Agroenergie, filiere made in Italy sostenibili e biologico al centro per una transizione ambientale, energetica e sociale del modello agricolo. Spinta su agrivoltaico e rinnovabili, riduzione del 62% dell’uso della chimica di sintesi, Piano...

Agricoltura. Sindacato europeo approva sanzioni per violazioni condizionalità sociale Pac

Il comitato esecutivo dell’Effat, il sindacato europeo del settore agricolo, riunito oggi a Bruxelles, ha ratificato la decisione assunta la scorsa settimana a Berlino da 26 sindacati di 19 paesi europei, approvando in via...