HomeComunicatiPesca. Da Fai, Flai, Uila preoccupazione per mancata proroga termini domande fermo...

Pesca. Da Fai, Flai, Uila preoccupazione per mancata proroga termini domande fermo pesca 2020

Fai Flai e Uila Pesca esprimono forte preoccupazione rispetto al mancato accoglimento della richiesta, avanzata sia dai sindacati che da tutte le associazioni di categoria, per quanto riguarda il differimento dei termini per la presentazione delle istanze di indennità di fermo pesca dell’anno 2020.

“Si tratta di una grave ingiustizia ai danni di moltissimi lavoratori della pesca perché la mancata proroga dei termini avrà come diretta conseguenza l’impossibilità per la gran parte di loro di accedere ad una indennità che avrebbe potuto garantire un minimo di ristoro” affermano i sindacati, spiegando che la richiesta del differimento dei termini era stata avanzata a seguito del ritardo nella pubblicazione del decreto, oltretutto in un periodo di emergenza sanitaria che ha reso impossibile gestire la procedura della presentazione delle domande in tempi così ridotti, a causa delle misure di contenimento del contagio che hanno rallentato l’attività delle Capitanerie di porto nella certificazione delle giornate di fermo.

“Un diniego che appare ancor più grave in quanto le politiche sia nazionali che comunitarie sono sempre più orientate alla riduzione dello sforzo di pesca mettendo sempre più in pericolo tanto la sostenibilità economica delle imprese quanto la tenuta occupazionale del settore, in assenza di un ammortizzatore sociale strutturato”, aggiungono Fai, Flai e Uilapesca.

 “E’ inaccettabile una tale disattenzione nei confronti del settore e un totale irrigidimento delle procedure che non prevedono alcuna forma di flessibilità nella presentazione di tali istanze”.

Fai, Flai e Uila Pesca chiedono, quindi, ai tre Ministeri competenti (Politiche Agricole, Lavoro ed Economia) di intervenire subito con la pubblicazione di un decreto interministeriale che riapra la procedura, fissando un nuovo termine in modo da poter garantire a tutti i lavoratori l’accesso a tale sostegno al reddito.

Articoli correlati

Pernigotti. Incontro congiunto al Ministero del lavoro

  Si è svolto questa mattina, in video conferenza, l’esame congiunto, presso il ministero del Lavoro, sulla vertenza Pernigotti al quale hanno partecipato, alla presenza anche del Mise, i rappresentanti nazionali e territoriali di Fai,...

Pesca. Ennesimo incidente mortale conferma la pericolosità del settore. Urgente applicare al comparto norme di sicurezza previste da Testo Unico 81

"La pesca rimane una delle professioni più pericolose al mondo e l'incidente di lunedì scorso, dove un pescatore ha perso la vita nel rovesciamento della vongolara su cui era imbarcato, conferma questo triste primato...

Vertenza BuCastelli – Alival. Fai, Flai, Uila: sciopero riuscito, dai lavoratori un segnale forte

“Sciopero riuscito oggi nei vari siti del gruppo BuCastelli – Alival a fronte della annunciata chiusura degli stabilimenti di Ponte Buggianese, Reggio Calabria e degli esuberi a Santa Rita. Forte il segnale arrivato dai...

Nel Gran Ghetto di Foggia tragedia annunciata, necessario agire su alloggi e trasporti

“Ancora, l’ennesima una tragedia annunciata, ancora una morte che poteva essere evitata se fossero messe in atto misure di accoglienza adeguate e se i lavoratori stranieri fossero in condizione di ricevere paghe adeguate”. Così...

Accordo integrativo Bat. Fai, Flai e Uila: “Misure innovative per sostenere le famiglie e contrastare l’inflazione”

Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil commentano con soddisfazione il nuovo accordo integrativo, per il quadriennio 2022-2025, sottoscritto con Bat, British American Tobacco Italia “che prevede misure di contrasto all’inflazione, in sostegno alle famiglie che...