Pesca. Comunicato stampa di Fai, Flai e Uila Pesca

È stato pubblicato la scorsa settimana in gazzetta ufficiale il Decreto Ministeriale 30/1/2018 “Adozione dei Piani di Gestione Nazionali” per la pesca delle specie demersali nei mari italiani.
Questi piani prevedono una riduzione costante negli anni, del numero massimo di giornate di pesca, il che significa dare una ulteriore stangata a un settore in crisi da oltre un decennio e il tutto in mancanza di un ammortizzatore sociale strutturato di sostegno per indennizzare i giorni in cui non sarà più possibile pescare.
Il sindacato non è contrario ad attivare tutte le misure necessarie per tutelare la risorsa marina ma, allo stesso tempo, non può concepire che i costi di queste misure ricadano solo e totalmente sui lavoratori e sulle aziende.
Anche perché in tutti questi anni abbiamo già perso migliaia di posti di lavoro e visto chiudere altrettante imprese, a seguito dell’applicazione di norme e regolamenti che, evidentemente, non hanno salvaguardato la risorsa ittica né, tanto meno, il settore produttivo.
Da mesi chiediamo di essere preventivamente consultati nella definizione di misure che hanno una ricaduta diretta sul redditi dei lavoratori e sui livelli occupazionali e, soprattutto, un confronto per individuare una soluzione
definitiva al problema della mancanza di adeguate tutele sociali nel settore.
Ribadiamo quindi l’esigenza e la necessità di riunire e attivare, al più presto, la Commissione consultiva centrale per la pesca, quale primo passo in questa direzione.

Articoli correlati

Agricoltura, alla vigilia del voto europeo si ‘semplifica’ la Pac con i datoriali senza consultare i sindacati

Coinu, Flai Cgil: “Gravissime le responsabilità del Commissario Wojciechowski rispetto al tentativo di affossamento del Green Deal” In queste ore Janusz Wojciechowski, Commissario Europeo all’Agricoltura,...

“Radici del passato, sguardi al futuro”, lunedì 8 aprile a Roma l’iniziativa per i vent’anni di Metes

Dal significato odierno della formazione sindacale a quello dell’insegnamento dell’italiano ai lavoratori migranti. Dal valore della ricerca per uno sviluppo sostenibile a quello dello...

Caporalato nelle vigne delle Langhe, Flai Cgil: “Da nord a sud, vitivinicolo sempre più spesso protagonista di cronache di sfruttamento. Situazione intollerabile, intervenire subito”

Guaraldi: “Inaccettabile che prodotti fiore all’occhiello delle produzioni agroalimentari del nostro paese siano macchiati del sangue dei lavoratori e delle lavoratrici” “Il caporalato e lo...