HomeComunicatiPesca. Comunicato Fai, Flai, Uila

Pesca. Comunicato Fai, Flai, Uila

 

Il malessere dei pescatori italiani, manifestato nei giorni scorsi rispetto al regime sanzionatorio previsto della legge 154, ha radici lontane e nasce dalla profonda disattenzione verso il settore da parte delle istituzioni e del paese. Ed è da questa realtà che occorre partire per trovare delle soluzioni in grado di dare una speranza e un futuro occupazionale nel rispetto delle opinioni di tutti e dell’adesione volontaria alle manifestazioni che in questi giorni si sono tenute  a Roma.

 

Così come è giusto rispettare le regole è anche giusto che le sanzioni previste per la violazione di queste regole siano eque e proporzionate al valore dell’attività economica esercitata. Per questo crediamo che il parlamento debba rivedere quella legge, approvata lo scorso luglio senza nessun voto contrario, per smussarne gli aspetti giudicati più iniqui.

 

Ma occorre fare di più. Grazie alla nostra azione nei mesi scorsi, l’attenzione della politica è cresciuta: è stata rifinanziata la cassa integrazione in deroga per il 2016 ed istituito il Fospe, uno strumento innovativo e positivo, la cui dotazione finanziaria di 1 milione di euro è ancora insufficiente a garantirne lo start-up e a divenire il vero sistema di ammortizzatore sociale di cui il settore ha estremo bisogno.

 

I pescatori chiedono di essere ascoltati e di essere protagonisti delle scelte che li riguardano. Certamente la pesca non può essere una giungla senza regole ma non si possono stabilire delle regole, a volte molto complesse e confuse, senza ascoltare la voce di chi quelle regole deve applicare malgrado le ritenga sbagliate e inefficaci.

 

Occorre lavorare per ridurre la distanza tra pescatori e istituzioni. È necessario, quindi, rafforzare il percorso di confronto con tutto il mondo della rappresentanza della pesca per riuscire a costruire soluzioni condivise ed efficaci da portare anche nel confronto con l’Unione europea.

Articoli correlati

Flai Cgil all’assemblea nazionale dei Campi della legalità di Libera

All’Assemblea nazionale dei campi di impegno e formazione sui beni confiscati alla criminalità organizzata ‘E!State Liberi!’, all’Auditorium San Domenico di Roma, Jean-René Bilongo, capo dipartimento legalità Flai Nazionale e presidente dell’Osservatorio Placido Rizzotto, interviene...

Agricoltura. Fiatti: bene PAC Italia, insieme a condizionalità sociale deve creare buona occupazione

“Una buona notizia per il settore agricolo il via libera della Commissione europea al Piano Strategico Nazionale dell'Italia sulla Politica agricola comune (Pac), con un sostegno di oltre 35 miliardi di euro, tra contributi...

MEMORIA 2 Dicembre 1968. I fatti di Avola: la polizia spara sui braccianti

Sono all’undicesimo giorno di sciopero i braccianti siracusani e l’intervento armato della polizia altro non è che il tentativo delle forze agrarie di spezzare il movimento rivendicativo, di dare una lezione a tutti i...

6 e 7 dicembre a Roma seminario finale del progetto Di.Agr.A.M.M.I. di Legalità al centro-nord

In 30 mesi di attività di contrasto al caporalato e allo sfruttamento dei lavoratori migranti in agricoltura, ha aiutato oltre 20mila persone Si terrà il 6 e 7 dicembre 2022 nel Centro Congressi Roma Eventi...

Flai Cgil, altri nove bancali di cibo al Vaticano, solidarietà concreta per chi non arriva a fine mese

L’aumento sempre più marcato delle diseguaglianze, evidenziato da tutti i centri di ricerca, rende indispensabili interventi di solidarietà concreta. Contro vecchie e nuove povertà servono risposte decise, va in questa direzione la consegna da...