HomeComunicatiPesca. Comunicato Fai, Flai, Uila

Pesca. Comunicato Fai, Flai, Uila

 

Il malessere dei pescatori italiani, manifestato nei giorni scorsi rispetto al regime sanzionatorio previsto della legge 154, ha radici lontane e nasce dalla profonda disattenzione verso il settore da parte delle istituzioni e del paese. Ed è da questa realtà che occorre partire per trovare delle soluzioni in grado di dare una speranza e un futuro occupazionale nel rispetto delle opinioni di tutti e dell’adesione volontaria alle manifestazioni che in questi giorni si sono tenute  a Roma.

 

Così come è giusto rispettare le regole è anche giusto che le sanzioni previste per la violazione di queste regole siano eque e proporzionate al valore dell’attività economica esercitata. Per questo crediamo che il parlamento debba rivedere quella legge, approvata lo scorso luglio senza nessun voto contrario, per smussarne gli aspetti giudicati più iniqui.

 

Ma occorre fare di più. Grazie alla nostra azione nei mesi scorsi, l’attenzione della politica è cresciuta: è stata rifinanziata la cassa integrazione in deroga per il 2016 ed istituito il Fospe, uno strumento innovativo e positivo, la cui dotazione finanziaria di 1 milione di euro è ancora insufficiente a garantirne lo start-up e a divenire il vero sistema di ammortizzatore sociale di cui il settore ha estremo bisogno.

 

I pescatori chiedono di essere ascoltati e di essere protagonisti delle scelte che li riguardano. Certamente la pesca non può essere una giungla senza regole ma non si possono stabilire delle regole, a volte molto complesse e confuse, senza ascoltare la voce di chi quelle regole deve applicare malgrado le ritenga sbagliate e inefficaci.

 

Occorre lavorare per ridurre la distanza tra pescatori e istituzioni. È necessario, quindi, rafforzare il percorso di confronto con tutto il mondo della rappresentanza della pesca per riuscire a costruire soluzioni condivise ed efficaci da portare anche nel confronto con l’Unione europea.

Articoli correlati

Pernigotti, nuovo incontro al Mise. Fai, Flai e Uila: disponibili ad esaminare un nuovo piano industriale con tempistiche e risorse certe

Si è svolta questa mattina, in video conferenza, una nuova riunione convocata presso il ministero dello sviluppo economico, sulla vertenza Pernigotti alla quale hanno partecipato oltre ai rappresentanti nazionali e territoriali di Fai, Flai...

Pernigotti. Incontro congiunto al Ministero del lavoro

  Si è svolto questa mattina, in video conferenza, l’esame congiunto, presso il ministero del Lavoro, sulla vertenza Pernigotti al quale hanno partecipato, alla presenza anche del Mise, i rappresentanti nazionali e territoriali di Fai,...

Pesca. Ennesimo incidente mortale conferma la pericolosità del settore. Urgente applicare al comparto norme di sicurezza previste da Testo Unico 81

"La pesca rimane una delle professioni più pericolose al mondo e l'incidente di lunedì scorso, dove un pescatore ha perso la vita nel rovesciamento della vongolara su cui era imbarcato, conferma questo triste primato...

Vertenza BuCastelli – Alival. Fai, Flai, Uila: sciopero riuscito, dai lavoratori un segnale forte

“Sciopero riuscito oggi nei vari siti del gruppo BuCastelli – Alival a fronte della annunciata chiusura degli stabilimenti di Ponte Buggianese, Reggio Calabria e degli esuberi a Santa Rita. Forte il segnale arrivato dai...

Nel Gran Ghetto di Foggia tragedia annunciata, necessario agire su alloggi e trasporti

“Ancora, l’ennesima una tragedia annunciata, ancora una morte che poteva essere evitata se fossero messe in atto misure di accoglienza adeguate e se i lavoratori stranieri fossero in condizione di ricevere paghe adeguate”. Così...