HomeComunicatiPesca. Caro gasolio, settore in crisi. Servono soluzioni adeguate

Pesca. Caro gasolio, settore in crisi. Servono soluzioni adeguate

Gli effetti del caro gasolio, nella pesca, continuano a destabilizzare un settore in enorme difficoltà. Le misure contenute del Decreto Energia di marzo avevano dato qualche speranza ai lavoratori imbarcati ed alle imprese. Ad oggi, queste speranze sono svanite perché nulla è arrivato e la situazione sta velocemente precipitando. In questi giorni, molte imprese hanno dichiarato di voler disarmare le imbarcazioni e di voler licenziare i loro dipendenti. Parliamo di 25.000 lavoratori che rimarrebbero senza reddito e senza lavoro. Fai, Flai e Uila Pesca comprendono lo stato di disagio e di difficoltà nel quale si trovano le imprese, causato in gran parte dal consistente incremento del costo del carburante, ma non condividono la soluzione proposta, o comunque minacciata, che va verso un vero e proprio massacro sociale. Fai, Flai e Uila Pesca, inoltre, evidenziano, in una situazione di difficoltà come quella attuale, l’estrema necessità di un ammortizzatore sociale che possa sostenere, in maniera strutturale, il reddito dei lavoratori. Purtroppo, la Cisoa pesca è allo stato attuale una scatola vuota: è, infatti, inutilizzabile per i lavoratori e rappresenta un ulteriore costo per le imprese che da gennaio di quest’anno hanno cominciato a pagare. Chiediamo al Governo, dopo mesi di attesa e forti sollecitazioni, un immediato intervento economico a sostegno del settore e di rendere la Cisoa pesca effettivamente adeguata ed utilizzabile, al fine di garantire la continuità occupazionale, il reddito delle imprese ed evitare così il blocco dell’attività di uno dei comparti essenziali del nostro paese. La pesca, come tutto il nostro agroalimentare, rappresenta uno dei settori strategici per gli obbiettivi di sicurezza alimentare nazionale, ancora più evidente in tempi di pandemia e di guerra, non è accettabile che questo bene collettivo rischi di scomparire, magari favorendo l’ulteriore ingresso di prodotti importati sui nostri mercati e trasformando i pescatori in una specie a rischio d’estinzione.

 

 

Articoli correlati

Il contributo della Flai nel nuovo carico di aiuti Cgil per l’Ucraina

È partito un nuovo carico di aiuti destinato all’Ucraina, alle donne e agli uomini ucraini che sono le vere vittime del conflitto. La campagna promossa dalla CGIL in questi  terribili mesi di guerra ha...
mobilitazione-31-marzo

Agecontrol, sindacati: L’azienda chiude la porta alla trattativa con i lavoratori

Fai-Cisl, Flai-Cgil, Uila-Uil: “Ingiustificabile assenza dell’azienda all’appuntamento con le organizzazioni sindacali per la chiusura delle trattative, ora il Ministero intervenga” Le organizzazioni sindacali FAI Cisl, FLAI Cgil e UILA Uil esprimono con una nota il...

Governo, Pucillo: “Sì a ministero del mare, l’importante è che non sia una facciata o in pochi anni il settore sparirà”

L’intervista di Roberta Lanzara AdnKronos al responsabile del dipartimento pesca Flai Cgil Sì all'istituzione di un Ministero del Mare: "E' una richiesta che avanziamo da anni per risanare un settore al collasso attraverso l'intervento su...

Pesca. Al via il primo ottobre Campagna malattie professionali dei pescatori

La Flai Cgil il 1 ottobre darà il via alla Campagna Malattie professionali nel settore pesca, nell’ambito del Progetto Pesca,Programma Nazionale Triennale della Pesca e dell’Acquacoltura 2022-2024 adottato con D.M. del Ministro delle Politiche...

Sindacati Effat a Torino per creare un’Europa più equa

Al centro di formazione internazionale di Torino, prove di contaminazione fra i sindacati che aderiscono all’Effat, la federazione europea che raccoglie le organizzazioni delle lavoratrici e dei lavoratori del settore alimentare, agricolo, turistico e...