HomeComunicatiPesca. Bene approvazione in Commissione della risoluzione "Tutela sul piano lavorativo e...

Pesca. Bene approvazione in Commissione della risoluzione “Tutela sul piano lavorativo e previdenziale dei lavoratori del comparto”

“Apprendiamo con interesse che ieri pomeriggio presso la XI Commissione della Camera è stata approvata la risoluzione 7-00948 in materia di “tutela sul piano lavorativo e previdenziale dei lavoratori del comparto della pesca” su iniziativa della On. Gessica Rostellato. Una risoluzione che ci vede in sintonia sia negli obbiettivi che nella metodologia”. Lo dichiara in una nota la Flai Cgil nazionale. “La crisi che il settore vive ormai da diversi anni necessita di risposte e l’idea di istituire un tavolo di confronto tra i ministeri competenti e le parti sociali ci sembra un primo passo concreto verso la risoluzione di tali problemi. Da anni lamentiamo carenze che vanno colmate; la mancanza di un ammortizzatore strutturato ha fatto in modo che i lavoratori del settore rivivessero ogni anno la lotteria della CIGS in deroga con la speranza che il finanziamento della stessa riuscisse a colmare le necessità. Mai come adesso tale confronto è necessario, in quanto il decreto legislativo n°148 del 2015 non coglie le peculiarità del comparto della pesca lasciando cosi il settore senza alcun strumento di tutela del reddito per il futuro. Allo stesso modo è importante che al settore venga applicato quanto stabilito dal Decreto legislativo n°81 del 2008 sulla Sicurezza nel lavoro, lo chiediamo e attendiamo da anni: un ritardo ingiustificato per un settore che viene definito tra i più pericolosi e usuranti”.

“Anche sulla questione dei lavori usuranti – prosegue la nota – è necessario rivedere la normativa: da anni denunciamo questa incomprensibile mancanza, un lavoro che espone i pescatori alle intemperie, al rumore, alla necessita di lavorare in ambienti angusti e instabili non è ritenuto usurante dalla normativa vigente!”
“Le criticità e i punti brevemente ricordati sono elementi importanti e utili per rilanciare il settore e contribuire all’uscita da una crisi che ormai si protrae da troppo tempo. Per questo e per la complessità dei problemi indicati riteniamo utile l’idea di istituire un tavolo di confronto tra i ministeri interessati e le parti sociali per definire insieme una linea condivisa e risolvere una volta per tutte questi problemi. Quindi chiediamo al Governo di mettere in pratica l’impegno preso con la risoluzione proposta dall’On. Rostellato, che ringraziamo per il lavoro svolto, e di convocare al più presto il tavolo di confronto”.

Articoli correlati

Pernigotti, nuovo incontro al Mise. Fai, Flai e Uila: disponibili ad esaminare un nuovo piano industriale con tempistiche e risorse certe

Si è svolta questa mattina, in video conferenza, una nuova riunione convocata presso il ministero dello sviluppo economico, sulla vertenza Pernigotti alla quale hanno partecipato oltre ai rappresentanti nazionali e territoriali di Fai, Flai...

Pernigotti. Incontro congiunto al Ministero del lavoro

  Si è svolto questa mattina, in video conferenza, l’esame congiunto, presso il ministero del Lavoro, sulla vertenza Pernigotti al quale hanno partecipato, alla presenza anche del Mise, i rappresentanti nazionali e territoriali di Fai,...

Pesca. Ennesimo incidente mortale conferma la pericolosità del settore. Urgente applicare al comparto norme di sicurezza previste da Testo Unico 81

"La pesca rimane una delle professioni più pericolose al mondo e l'incidente di lunedì scorso, dove un pescatore ha perso la vita nel rovesciamento della vongolara su cui era imbarcato, conferma questo triste primato...

Vertenza BuCastelli – Alival. Fai, Flai, Uila: sciopero riuscito, dai lavoratori un segnale forte

“Sciopero riuscito oggi nei vari siti del gruppo BuCastelli – Alival a fronte della annunciata chiusura degli stabilimenti di Ponte Buggianese, Reggio Calabria e degli esuberi a Santa Rita. Forte il segnale arrivato dai...

Nel Gran Ghetto di Foggia tragedia annunciata, necessario agire su alloggi e trasporti

“Ancora, l’ennesima una tragedia annunciata, ancora una morte che poteva essere evitata se fossero messe in atto misure di accoglienza adeguate e se i lavoratori stranieri fossero in condizione di ricevere paghe adeguate”. Così...