HomeComunicatiPesca. Ancora un morto sul lavoro. Emergenza sicurezza

Pesca. Ancora un morto sul lavoro. Emergenza sicurezza

Parlamento e Governo intervengano tempestivamente su TU 81 e ammortizzatori
“La morte del comandante del peschereccio “‘Eugenio Costa” al largo del porto di Trani ci riporta la drammatica attualità degli incidenti mortali nel settore della pesca. Non è possibile parlare ancora una volta di tragica fatalità, bensì è necessario denunciare con forza le condizioni estreme in cui si lavora in mare”. Lo dichiara Sara Palazzoli, Segretario Nazionale Flai Cgil. “Il settore della pesca è ad oggi tra i più esposti in termini di sicurezza, anzi di mancata sicurezza. Infatti per i lavoratori della pesca, nonostante numerose battaglie e una importante raccolta di firme, ancora non si applica il T.U. 81 del 2008 su salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, tale materia, infatti, è coperta da una legislazione vetusta e quanto mai inefficace. Inoltre manca un sistema strutturale di ammortizzatori sociali in grado di coprire la sospensione dell’attività e che avrebbe effetti positivi sulla sicurezza sul lavoro e sulla salvaguardia di vite umane. Oggi, infatti, chi vive di pesca per realizzare un reddito seppur minimo va in mare con ogni condizione metereologica, a rischio anche della propria vita. Per questo ribadiamo che norme sulla sicurezza e ammortizzatori si debbano incrociare per dare effettivi risultati. I lavoratori della pesca non possono continuare ad essere degli invisibili ma hanno diritto a pari dignità con tutti gli altri lavoratori. È necessario che Parlamento e Governo intervengano tempestivamente, poiché già troppo tempo è stato sprecato”.

Articoli correlati

Agricoltura. Fiatti: bene PAC Italia, insieme a condizionalità sociale deve creare buona occupazione

“Una buona notizia per il settore agricolo il via libera della Commissione europea al Piano Strategico Nazionale dell'Italia sulla Politica agricola comune (Pac), con un sostegno di oltre 35 miliardi di euro, tra contributi...

MEMORIA 2 Dicembre 1968. I fatti di Avola: la polizia spara sui braccianti

Sono all’undicesimo giorno di sciopero i braccianti siracusani e l’intervento armato della polizia altro non è che il tentativo delle forze agrarie di spezzare il movimento rivendicativo, di dare una lezione a tutti i...

6 e 7 dicembre a Roma seminario finale del progetto Di.Agr.A.M.M.I. di Legalità al centro-nord

In 30 mesi di attività di contrasto al caporalato e allo sfruttamento dei lavoratori migranti in agricoltura, ha aiutato oltre 20mila persone Si terrà il 6 e 7 dicembre 2022 nel Centro Congressi Roma Eventi...

Flai Cgil, altri nove bancali di cibo al Vaticano, solidarietà concreta per chi non arriva a fine mese

L’aumento sempre più marcato delle diseguaglianze, evidenziato da tutti i centri di ricerca, rende indispensabili interventi di solidarietà concreta. Contro vecchie e nuove povertà servono risposte decise, va in questa direzione la consegna da...

Agricoltura: BioAs e Osservatorio Placido Rizzotto insieme per contrastare concretamente il caporalato e ogni forma di sfruttamento

Per fermare il caporalato e lo sfruttamento in agricoltura le leggi sono importanti ma ci vogliono azioni concrete.  L’accordo siglato ieri tra l’Osservatorio Placido Rizzotto e BioAs (Associazione Nazionale Bio Agricoltura Sociale), va proprio in...