Pesca. 29 luglio iniziativa Fai, Flai, Uila Pesca a Mazara del Vallo

“PIÙ SICUREZZA E DIRITTI PER I NOSTRI PESCATORI NEL CANALE DI SICILIA”, questo il titolo dell’iniziativa pubblica che si terrà il 29 luglio, alle ore 10.00, a Mazara del Vallo (Trapani), presso il Palazzo dei Gesuiti.

In questa occasione Fai, Flai e Uila Pesca incontreranno la cittadinanza e la stampa per un resoconto sulla campagna e raccolta firme a sostegno dei pescatori di Mazara del Vallo che più volte sono rimasti vittime di ripetuti attacchi da parte dei militari libici, mentre esercitavano la loro attività di pesca nel canale di Sicilia.

La petizione, che si è svolta sia online attraverso la piattaforma change.org che in forma cartacea, coinvolgendo tutte le marinerie italiane, è stata lanciata nel mese di maggio per chiedere al Governo un intervento in grado di garantire piena sicurezza all’attività lavorativa dei pescatori, oggetto di vere e proprie azioni di pirateria in un crescendo di tensioni tra i paesi del Nord Africa e la flotta italiana sulla gestione dell’attività di pesca nel sud del Mediterraneo.

All’iniziativa interverranno: Patrizio Giorni, Segretario nazionale Fai Cisl; Antonio Pucillo, Capo Dipartimento Pesca Flai Cgil; Enrica Mammucari, Segretaria generale Uila Pesca. Parteciperanno, inoltre, rappresentanti delle istituzioni e i pescatori.

Articoli correlati

Alessandra Stefani nuovo presidente del Cluster Nazionale Italia Foresta Legno

Una nomina fortemente voluta ed apprezzata da tutti i soci vista l'esperienza e la capacità di dialogo che Alessandra Stefani ha saputo dimostrare nel...

Lavoro e rischio calore, diritti e cassa integrazione

L’esposizione al calore può comportare malori anche gravi e aumento del rischio infortunistico. Nel periodo estivo dove si registrano temperature eccezionalmente elevate i rischi...

Cgil e Osservatorio Placido Rizzotto alla Cia Savona: «Negare il caporalato è grave, serve una battaglia comune»

«L’intervento della Cia di Savona riportato oggi dai media locali, secondo cui ad Albenga il caporalato non esisterebbe, non ci sorprende, ma ci preoccupa...