Peroni. Fai, Flai, Uila siglato integrativo di Gruppo, il primo nel settore

Le Segreterie nazionali di Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil unitamente al coordinamento nazionale delle Rsu Birra Peroni, hanno sottoscritto, con l’azienda ed Unindustria Roma, il rinnovo del contratto integrativo di Gruppo per gli anni 2023-2025.

Il primo, importante, risultato della stagione dei rinnovi contrattuali dei Gruppi industriali del settore alimentare. 

Nello specifico, le Segreterie nazionali di Fai, Flai e Uila, sottolineano come tutti i risultati raggiunti sono indirizzati principalmente al miglioramento delle condizioni di vita/lavoro di tutte le lavoratrici ed i lavoratori del Gruppo. 

Maggiore partecipazione quindi all’organizzazione del lavoro anche grazie all’attivazione delle Commissioni tecniche bilaterali sui temi della sicurezza, formazione/professionalità e competenze. Sono stati implementati, inoltre, i permessi retribuiti in ambito della conciliazione tempi di vita e tempi di lavoro, per i neo padri sono previsti ulteriori 10 giorni di permesso retribuito in aggiunta alla legge, 4 ore di permesso retribuito all’anno per visite personali, due mezze giornate per pediatriche dei figli, per i genitori anziani e per l’inserimento dei figli all’asilo nido. Viene inoltre istituita, in via sperimentale, la Banca ore solidale. 

In un’ottica di evoluzione della nuova organizzazione del lavoro, ed in particolare alla metodologia Asahi Way, si è voluto dare rilievo ai percorsi formativi sulle competenze trasversali e sul supporto allo sviluppo professionale. Inoltre, sul piano della sostenibilità ambientale le strategie e i piani di investimento saranno oggetto di informativa e confronto con Fai, Flai e Uila. Previsti, tra i parametri del premio, obiettivi anche in termini di riduzione del consumo idrico, elettrico e degli sprechi.

Un capitolo corposo è stato dedicato anche al tema della salute e sicurezza dove le Parti si impegnano a raggiungere l’obiettivo zero infortuni e generare nuova cultura su questi temi anche attraverso il lavoro congiunto che sarà svolto nelle commissioni paritetiche istituite a livello di sito. 

Sul fronte economico, il premio di partecipazione viene incrementato di 260,00 euro, per un messo in palio complessivo nel triennio pari a 8175 euro. Sono stati, poi, incrementati i buoni pasto e, per l’anno 2023, sono stati previsti ulteriori 200 euro in welfare. 

Nell’ambito della trattativa per il rinnovo, si è, inoltre, affrontato il tema degli organici con un impegno da parte aziendale di incrementare la forza lavoro a tempo indeterminato entro il primo semestre 2024.

Articoli correlati

Agricoltura, alla vigilia del voto europeo si ‘semplifica’ la Pac con i datoriali senza consultare i sindacati

Coinu, Flai Cgil: “Gravissime le responsabilità del Commissario Wojciechowski rispetto al tentativo di affossamento del Green Deal” In queste ore Janusz Wojciechowski, Commissario Europeo all’Agricoltura,...

“Radici del passato, sguardi al futuro”, lunedì 8 aprile a Roma l’iniziativa per i vent’anni di Metes

Dal significato odierno della formazione sindacale a quello dell’insegnamento dell’italiano ai lavoratori migranti. Dal valore della ricerca per uno sviluppo sostenibile a quello dello...

Caporalato nelle vigne delle Langhe, Flai Cgil: “Da nord a sud, vitivinicolo sempre più spesso protagonista di cronache di sfruttamento. Situazione intollerabile, intervenire subito”

Guaraldi: “Inaccettabile che prodotti fiore all’occhiello delle produzioni agroalimentari del nostro paese siano macchiati del sangue dei lavoratori e delle lavoratrici” “Il caporalato e lo...