HomeComunicatiPac post 2020, l’Italia sostenga le richieste del sindacato sui temi del...

Pac post 2020, l’Italia sostenga le richieste del sindacato sui temi del lavoro

I segretari generali di Fai, Flai e Uila scrivono alla ministra Bellanova

I segretari generali di Fai, Flai e Uila hanno scritto alla ministra per le politiche agricole Teresa Bellanova per sollecitare il governo italiano a sostenere le richieste del sindacato europeo in vista della riforma della Pac post 2020, tema che sarà discusso lunedì 20 luglio dal Consiglio dei ministri agricoli dell’Unione europea.

“Da molti anni” scrivono Onofrio Rota, Giovanni Mininni e Stefano Mantegazza “Fai-Flai-Uila, insieme al sindacato europeo del settore (Effat) si battono affinché la dimensione sociale dell’agricoltura e il tema del lavoro acquistino maggior rilievo e importanza nell’ambito della Pac”.

Punto centrale della proposta sindacale è introdurre il lavoro e la sua tutela tra i criteri di condizionalità nella concessione degli aiuti comunitari alle aziende. Il che significa: escludere dai pagamenti dei premi Pac le aziende che violino le leggi sociali o non rispettino i contratti di lavoro; associare gli aiuti anche al mantenimento dell’occupazione e alla creazione di nuovi posti di lavoro.

“Richieste che”, si legge ancora nella lettera, “risultano ancor più legittime e urgenti, sia in ragione dell’emergenza Covid 19 che ha messo a dura prova i lavoratori di un settore che non si è mai fermato neppure a fronte del rischio contagio, sia nel contesto della nuova strategia europea “dai campi alla tavola” che ha riconosciuto l’importanza dei lavoratori agricoli e la necessità di attenuare le conseguenze socio-economiche che si producono nella filiera agroalimentare”.

Lo stesso Parlamento europeo, spiegano i sindacati, si è espresso, lo scorso 19 giugno, a sostegno di queste richieste, esortando la Commissione ad assicurare che la strategia “dai campi alla tavola” e la prossima revisione della politica agricola comune diano dei risultati per i lavoratori agricoli europei.

“È quindi importante”, concludono Fai-Flai-Uila, “che le nostre richieste siano supportate anche in sede di Consiglio dei ministri europei. Per questo ci rivolgiamo a Lei, confidando in un futuro incontro per rappresentarle direttamente le nostre posizioni”.

Articoli correlati

Flai Cgil all’assemblea nazionale dei Campi della legalità di Libera

All’Assemblea nazionale dei campi di impegno e formazione sui beni confiscati alla criminalità organizzata ‘E!State Liberi!’, all’Auditorium San Domenico di Roma, Jean-René Bilongo, capo dipartimento legalità Flai Nazionale e presidente dell’Osservatorio Placido Rizzotto, interviene...

Agricoltura. Fiatti: bene PAC Italia, insieme a condizionalità sociale deve creare buona occupazione

“Una buona notizia per il settore agricolo il via libera della Commissione europea al Piano Strategico Nazionale dell'Italia sulla Politica agricola comune (Pac), con un sostegno di oltre 35 miliardi di euro, tra contributi...

MEMORIA 2 Dicembre 1968. I fatti di Avola: la polizia spara sui braccianti

Sono all’undicesimo giorno di sciopero i braccianti siracusani e l’intervento armato della polizia altro non è che il tentativo delle forze agrarie di spezzare il movimento rivendicativo, di dare una lezione a tutti i...

6 e 7 dicembre a Roma seminario finale del progetto Di.Agr.A.M.M.I. di Legalità al centro-nord

In 30 mesi di attività di contrasto al caporalato e allo sfruttamento dei lavoratori migranti in agricoltura, ha aiutato oltre 20mila persone Si terrà il 6 e 7 dicembre 2022 nel Centro Congressi Roma Eventi...

Flai Cgil, altri nove bancali di cibo al Vaticano, solidarietà concreta per chi non arriva a fine mese

L’aumento sempre più marcato delle diseguaglianze, evidenziato da tutti i centri di ricerca, rende indispensabili interventi di solidarietà concreta. Contro vecchie e nuove povertà servono risposte decise, va in questa direzione la consegna da...