Morire per una ciocca di capelli, Balì Flai Cgil: “Siamo al fianco di tutte le donne che si battono per difendere i propri diritti”

Si può morire, nel 2022, per una ciocca di capelli ribelle. Si resta senza parole di fronte alla tragedia di Masha Amini, massacrata di botte dalla cosiddetta ‘polizia morale’ di Teheran. Le proteste che si stanno susseguendo in Iran e anche nell’universo della rete non si fermano. Il segno che ci sono dei confini che non possono essere superati, le leggi della sharia care alle dottrine più retrive della religione islamica vanno tagliate come le ciocche che vengono tagliate da migliaia e migliaia di donne che non vogliono dimenticare Masha. “Siamo al fianco di queste donne e del loro coraggio – dichiara Tina Balì, Flai Cgil nazionale – così come di tutte le donne che si battono quotidianamente per difendere i propri diritti, ogni volta che vengono attaccati o messi in discussione. Ci uniamo al coro di quanti in questi giorni stanno chiedendo alle autorità iraniane di porre fine alla violenza contro le donne, che devono poter agire le loro libertà fondamentali”.

Articoli correlati

Rinnovato il Protocollo aggiuntivo per il personale operaio assunto dal CUFAA: “Soddisfazione per recepimento CCNL Forestali, primo passo per valorizzazione comparto”

Si sono incontrati oggi a Roma, presso il Comando Unità Forestali Ambientali ed Agroalimentari Carabinieri, alla presenza del Generale C.A. Andrea Rispoli, Comandante del...

La questione migratoria, il Pci e le sinistre nell’Italia del Novecento

Bilongo: “L’assenza odierna di una spinta progressista è sostituita da ideologie reazionarie che producono ostracismo e respingimenti” Nella storia delle Storie del mondo i migranti...

Fai, Flai e Uila Pesca incontrano il ministro Lollobrigida

Fai, Flai e Uila Pesca, insieme alle associazioni di categoria, hanno incontrato oggi presso il Masaf, il ministro Francesco Lollobrigida. Al centro dell’incontro le...