Morire per una ciocca di capelli, Balì Flai Cgil: “Siamo al fianco di tutte le donne che si battono per difendere i propri diritti”

Si può morire, nel 2022, per una ciocca di capelli ribelle. Si resta senza parole di fronte alla tragedia di Masha Amini, massacrata di botte dalla cosiddetta ‘polizia morale’ di Teheran. Le proteste che si stanno susseguendo in Iran e anche nell’universo della rete non si fermano. Il segno che ci sono dei confini che non possono essere superati, le leggi della sharia care alle dottrine più retrive della religione islamica vanno tagliate come le ciocche che vengono tagliate da migliaia e migliaia di donne che non vogliono dimenticare Masha. “Siamo al fianco di queste donne e del loro coraggio – dichiara Tina Balì, Flai Cgil nazionale – così come di tutte le donne che si battono quotidianamente per difendere i propri diritti, ogni volta che vengono attaccati o messi in discussione. Ci uniamo al coro di quanti in questi giorni stanno chiedendo alle autorità iraniane di porre fine alla violenza contro le donne, che devono poter agire le loro libertà fondamentali”.

Articoli correlati

Decreto Flussi, Bilongo Flai Cgil: “Si può e si deve fare di più. Ancora troppo lavoro sfruttato, sommerso”

“Dall'analisi del decreto flussi, pubblicato in Gazzetta Ufficiale venerdì scorso, emergono varie criticità - osserva Jean-René Bilongo, capo dipartimento politiche migratorie e inclusione Flai...

Violenza donne. Danneggiata targa panchina rossa a Trastevere

“A due mesi esatti dall’inaugurazione della panchina rossa contro la violenza sulle donne da parte di Flai Cgil, Filcams Cgil, Flc Cgil, Fp Cgil...

Scuola del popolo: intesa tra Flc e Flai

Siglato l'accordo tra Flc Cgil e Flai Cgil (con la Cgil nazionale), per avviare un percorso di collaborazione per la sperimentazione del progetto “Non è...