HomeComunicatiLavoro. FLAI CGIL si costituisce parte civile per lavoratore costretto a gettarsi...

Lavoro. FLAI CGIL si costituisce parte civile per lavoratore costretto a gettarsi in mare

Il lavoratore era anche assunto irregolarmente e in condizioni di sfruttamento

“La Flai-Cgil si è costituita parte civile nel procedimento penale a carico di Andrea Caroti, il comandante del peschereccio accusato di aver costretto il marinaio senegalese irregolarmente impiegato a bordo Seydi Samba a gettarsi in acqua per sfuggire al controllo di una motovedetta della Capitaneria di porto”. Ne dà notizia in una nota la Flai Cgil nazionale. “Tutto ciò sebbene il comandante sapesse che il marinaio non era sufficientemente in grado di nuotare”.“Un atto disumano – dichiara Antonio Pucillo della Flai nazionale – degno della giusta attenzione che sta dimostrando il tribunale di Livorno. Il fatto in questione, avvenuto al largo della costa in località Calambrone (Pi), risale al 2016. Caroti è anche accusato d’aver fatto successive pressioni su Seydi affinchè al cospetto della polizia giudiziaria rendesse dichiarazioni mendaci sull’accaduto. Il comandante è infine accusato di sfruttamento per aver impiegato sul peschereccio senza alcun contratto di lavoro Seydi e altri sei lavoratori africani, con retribuzioni inadeguate alla quantità e alla tipologia di quanto svolto e in barba alle normative su orari, riposo settimanale, ferie e altro. A ciò si aggiunge che Caroti avrebbe ripetutamente minacciato e offeso i lavoratori.La Flai-Cgil è da sempre in prima linea nella tutela dei lavoratori ma una evento di questa gravità, travalica la nostra immaginazione anche se spesso, ci siamo trovati in situazioni paragonabili  alla schiavitu. E’ per questo che insieme alla la Flai-Cgil provinciale di Livorno abbiamo deciso di costituirci parte civile.  Episodi del genere, in cui è evidente l’inesistenza del rispetto dell’essere umano non possono e non devono essere tollerati. La Flai da anni si batte per l’affermazione del diritto a condizioni di lavoro dignitose, sicure, senza discriminazioni e con giusta retribuzione. L’imputato non solo ha violato i diritti dei lavoratori ma ha posto in condizioni di sfruttamento persone extracomunitario approfittando del loro stato di bisogno. Tutto questo – conclude Pucillo – è inaccettabile”.

Articoli correlati

Flai Cgil all’assemblea nazionale dei Campi della legalità di Libera

All’Assemblea nazionale dei campi di impegno e formazione sui beni confiscati alla criminalità organizzata ‘E!State Liberi!’, all’Auditorium San Domenico di Roma, Jean-René Bilongo, capo dipartimento legalità Flai Nazionale e presidente dell’Osservatorio Placido Rizzotto, interviene...

Agricoltura. Fiatti: bene PAC Italia, insieme a condizionalità sociale deve creare buona occupazione

“Una buona notizia per il settore agricolo il via libera della Commissione europea al Piano Strategico Nazionale dell'Italia sulla Politica agricola comune (Pac), con un sostegno di oltre 35 miliardi di euro, tra contributi...

MEMORIA 2 Dicembre 1968. I fatti di Avola: la polizia spara sui braccianti

Sono all’undicesimo giorno di sciopero i braccianti siracusani e l’intervento armato della polizia altro non è che il tentativo delle forze agrarie di spezzare il movimento rivendicativo, di dare una lezione a tutti i...

6 e 7 dicembre a Roma seminario finale del progetto Di.Agr.A.M.M.I. di Legalità al centro-nord

In 30 mesi di attività di contrasto al caporalato e allo sfruttamento dei lavoratori migranti in agricoltura, ha aiutato oltre 20mila persone Si terrà il 6 e 7 dicembre 2022 nel Centro Congressi Roma Eventi...

Flai Cgil, altri nove bancali di cibo al Vaticano, solidarietà concreta per chi non arriva a fine mese

L’aumento sempre più marcato delle diseguaglianze, evidenziato da tutti i centri di ricerca, rende indispensabili interventi di solidarietà concreta. Contro vecchie e nuove povertà servono risposte decise, va in questa direzione la consegna da...