HomeComunicatiLavoro. Fai, Flai, Uila chiedono al Mipaaf rinnovo accordi con multinazionali tabacco

Lavoro. Fai, Flai, Uila chiedono al Mipaaf rinnovo accordi con multinazionali tabacco

Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil, insieme ai rappresentanti della Oit, Organizzazione Interprofessionale Tabacco, hanno incontrato ieri la Ministra delle Politiche Agricole Teresa Bellanova per rappresentarle le problematiche del settore, in particolare l’atteso rinnovo delle intese tra il Mipaaf e le multinazionali per l’acquisto di quantitativi annui di tabacco nazionale.
“Abbiamo espresso la nostra preoccupazione – affermano i sindacati – perché malgrado sia ormai prossimo l’avvio della programmazione produttiva per il 2020, questi accordi sono scaduti e, mentre per alcune realtà del settore sono stati rinnovati, le trattative di rinnovo degli accordi con altre multinazionali si sono arenate. Abbiamo chiesto quindi alla Ministra di continuare il lavoro che il Mipaaf sta facendo per sbloccare al più presto la situazione e trovare le soluzioni utili al rinnovo di tutti i contratti di acquisto di tabacco italiano. Questi accordi sono molto importanti perché garantiscono stabilizzazione e certezza produttiva e occupazionale, specialmente femminile, in un settore che molti davano per spacciato ma che, invece, ha saputo rialzarsi e tornare a essere competitivo, anche grazie ad un lavoro di squadra di tutta la filiera”.
La produzione italiana di tabacco ha subito una ristrutturazione pesantissima e ha dovuto impegnarsi a fondo per tornare competitiva sul mercato globale. Malgrado la negazione da parte di Bruxelles di qualsiasi forma di aiuto diretto e indiretto, a partire dal 2015 e nonostante la concorrenza di numerosi paesi (India, Brasile, Africa australe) dove costi di produzione e del lavoro sono più bassi e i disciplinari meno rigidi di quelli europei, la filiera del tabacco, complessa ma ben strutturata e coesa, ha continuato a difendere il lavoro e le coltivazioni e molte aziende hanno saputo mantenere la loro vitalità puntando su sostenibilità, qualità e aggregazione come punti di forza. Oggi l’Italia, malgrado la fine dei sostegni, è il primo Paese produttore dell’Ue.
“La Ministra – concludono Fai, Flai e Uila – ha ribadito la volontà a sostenere le istanze della filiera del tabacco con l’auspicio di chiudere positivamente, e in tempi brevi, gli accordi con le multinazionali per dare certezze a tutto il sistema”.

 

 

Articoli correlati

Donne: Filcams Flai Flc Fp, una panchina rossa contro la violenza, un’assunzione di responsabilità

Nella giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, Filcams, Flai, Flc e Fp Cgil insieme al Municipio XII di Roma hanno pitturato di rosso una panchina della città, in Largo Bernardino da...

Flai Cgil, altre sei tonnellate di generi alimentari al Vaticano per donare a chi ha bisogno

Un aiuto vero perché ‘solidarietà’ non sia solo una parola. La Flai Cgil ha consegnato alla Pontificia Elemosineria Apostolica altri nove bancali di generi alimentari (legumi, pasta, passate di pomodoro), per un totale di...

Alla Sapienza di Roma sindacalisti della Flai e studenti dell’Udu per dare una lezione a mafia e caporalato

Al suono della campanella, studenti e studentesse lasciano le aule della Sapienza di Roma e trovano dei volantini particolari. Sono quelli che loro coetanei dell’Unione degli universitari (Udu) e sindacalisti della Flai Cgil distribuiscono...

Flai Cgil al forum agroecologia di Legambiente per una transizione ambientale, energetica nel rispetto dei diritti sociali e del lavoro

Agroenergie, filiere made in Italy sostenibili e biologico al centro per una transizione ambientale, energetica e sociale del modello agricolo. Spinta su agrivoltaico e rinnovabili, riduzione del 62% dell’uso della chimica di sintesi, Piano...

Agricoltura. Sindacato europeo approva sanzioni per violazioni condizionalità sociale Pac

Il comitato esecutivo dell’Effat, il sindacato europeo del settore agricolo, riunito oggi a Bruxelles, ha ratificato la decisione assunta la scorsa settimana a Berlino da 26 sindacati di 19 paesi europei, approvando in via...