Lavori gravosi e usuranti, nasce l’Osservatorio Flai Cgil. Spera: “Non si può morire di fatica”

La Flai Cgil mette in campo un Osservatorio per monitorare i lavori gravosi e usuranti, insieme ai territori, alla Cgil nazionale, all’Inca e con un supporto di carattere scientifico, per individuare e proporre criteri oggi esclusi dalla legge, conoscere l’incidenza e l’impatto che alcune delle attività lavorative specifiche dei nostri settori hanno sull’aspettativa di vita e quindi sulla previdenza. Vogliamo avanzare una nostra proposta, in accordo con la Confederazione, utile ad affrontare le prossime iniziative, discussioni sui temi previdenziali, anche in prospettiva della prossima legge di Bilancio. “Non si può morire di fatica – sottolinea Silvia Spera, segreteria nazionale Flai Cgil – il riconoscimento del lavoro usurante è un diritto per coloro che svolgono mansioni faticose, che incidono sulle stesse condizioni di vita e di lavoro delle persone. Nella nostra categoria tanti sono i lavori gravosi e usuranti, solo pochi sono riconosciuti come tali. Precarietà, discontinuità sono fattori costanti che penalizzano lavoratrici e lavoratori, che dopo una vita di fatica hanno diritto all’anticipo di una pensione che sia anche dignitosa”.

Articoli correlati

Agricoltura, alla vigilia del voto europeo si ‘semplifica’ la Pac con i datoriali senza consultare i sindacati

Coinu, Flai Cgil: “Gravissime le responsabilità del Commissario Wojciechowski rispetto al tentativo di affossamento del Green Deal” In queste ore Janusz Wojciechowski, Commissario Europeo all’Agricoltura,...

“Radici del passato, sguardi al futuro”, lunedì 8 aprile a Roma l’iniziativa per i vent’anni di Metes

Dal significato odierno della formazione sindacale a quello dell’insegnamento dell’italiano ai lavoratori migranti. Dal valore della ricerca per uno sviluppo sostenibile a quello dello...

Caporalato nelle vigne delle Langhe, Flai Cgil: “Da nord a sud, vitivinicolo sempre più spesso protagonista di cronache di sfruttamento. Situazione intollerabile, intervenire subito”

Guaraldi: “Inaccettabile che prodotti fiore all’occhiello delle produzioni agroalimentari del nostro paese siano macchiati del sangue dei lavoratori e delle lavoratrici” “Il caporalato e lo...