La Flai Cgil condanna l’aggressione turca a Kobane

“Un altro fronte di guerra si apre in Medio Oriente, la Turchia del dittatore Erdogan, secondo esercito della Nato, sta bombardando la città curda di Kobane e la regione del Rojava, nel nord della Siria”. Andrea Coinu, responsabile politiche internazionali Flai Cgil, condanna fermamente i bombardamenti che colpiscono la popolazione civile, le scuole, gli ospedali. “Il sacrificio di 11mila combattenti curdi per fermare Daesh e il cosiddetto stato islamico, che aveva il sostegno della stessa Turchia e del Qatar, agli occhi di Erdogan conta meno di zero. E’ assurdo  – conclude Coinu – che la comunità internazionale non isoli, ed anzi promuova la mediazione di Ankara nel conflitto russo-ucraino. Non è un caso che la rivoluzione in corso in Iran abbia fatto proprio lo slogan del movimento di liberazione curdo ‘Donna, Vita, Libertà’”.

Articoli correlati

Agricoltura, alla vigilia del voto europeo si ‘semplifica’ la Pac con i datoriali senza consultare i sindacati

Coinu, Flai Cgil: “Gravissime le responsabilità del Commissario Wojciechowski rispetto al tentativo di affossamento del Green Deal” In queste ore Janusz Wojciechowski, Commissario Europeo all’Agricoltura,...

“Radici del passato, sguardi al futuro”, lunedì 8 aprile a Roma l’iniziativa per i vent’anni di Metes

Dal significato odierno della formazione sindacale a quello dell’insegnamento dell’italiano ai lavoratori migranti. Dal valore della ricerca per uno sviluppo sostenibile a quello dello...

Caporalato nelle vigne delle Langhe, Flai Cgil: “Da nord a sud, vitivinicolo sempre più spesso protagonista di cronache di sfruttamento. Situazione intollerabile, intervenire subito”

Guaraldi: “Inaccettabile che prodotti fiore all’occhiello delle produzioni agroalimentari del nostro paese siano macchiati del sangue dei lavoratori e delle lavoratrici” “Il caporalato e lo...