La Flai alle presentazioni in contemporanea del dossier statistico immigrazione 2023

Bilongo: “Quest’anno il dossier riconosce il protagonismo della Flai, con una pagina intera dedicata alla nostra categoria, oltre ad ospitare un capitolo sull’Osservatorio Placido Rizzotto con un focus sulle sperequazioni del lavoro nel settore primario”

Il Dossier Statistico Immigrazione è il rapporto socio-statistico che vanta la più lunga serie ininterrotta di pubblicazioni annuali sul fenomeno migratorio in Italia, la prima edizione è del 1991. Curato fino al 2003 dalla Caritas di Roma e, a partire dal 2004, dal Centro Studi e Ricerche IDOS (che da esso prende il nome: Immigrazione Dossier Statistico), viene realizzato con la collaborazione di strutture pubbliche e del mondo sociale, grazie al contributo di enti sostenitori (in origine Caritas e Migrantes; negli anni 2013 e 2014 l’Unar; dal 2015 – anno in cui è iniziato il partenariato con il Centro Studi Confronti ed è continuata la collaborazione dell’Unar – il Fondo Otto per Mille della Chiesa Valdese).

Lo scopo del Dossier è di migliorare il grado di conoscenza e di consapevolezza di un pubblico sempre più vasto, attraverso un’analisi quanto più rigorosa e ragionata dei dati. “Da questa 32sima edizione – spiega Jean René Bilongo, presidente dell’Osservatorio Placido Rizzotto – la Flai è entrata nel partenariato del Dossier, con un capitolo sulle condizioni di lavoro dei migranti nell’economia primaria. Abbiamo raccontato le nostre pratiche, a partire dal Sindacato di strada, proprio per intercettare le difficoltà e i bisogni dei lavoratori più fragili dove vivono, faticano, troppo spesso vengono sfruttati da caporali senza scrupoli. Il dossier è una ricognizione accurata dell’immigrazione, uno dei dei grandi temi della contemporaneità, con le sue sfide, le sue potenzialità, le sue opportunità, che però si scontra con ostracismi e idiosincrasie di un folle approccio emergenziale che rende sempre più complicata l’integrazione”. Bilongo sottolinea che “quest’anno il dossier riconosce il protagonismo della Flai, con una pagina intera dedicata alla nostra categoria, oltre ad ospitare un capitolo sull’Osservatorio Placido Rizzotto con un focus sulle sperequazioni del lavoro in agricoltura”. Partecipano alla realizzazione del dossier oltre un centinaio di studiosi e ricercatori, con competenze e retaggi culturali differenti, ognuno con un punto di vista diverso che equivale a una specifica prospettiva sul fenomeno, in una coralità di approcci che fanno la ricchezza interpretativa e contenutistica del volume.

Articoli correlati

Legno: Fillea-Flai-Nuove Ri-Generazioni, per una politica che investa nella produzione, nel riuso e nella resilienza dei materiali

Fiatti, Flai Cgil: “Più del 90% dei forestali sono dipendenti pubblici. E questo è molto importante, perché se la loro attività non produce un...

Fiatti, Flai Cgil: “Contrattazione e bilateralità pilastri dei rapporti fra le parti sociali”

“Necessaria una legge sulla rappresentanza”, spiega il segretario della Flai nel suo intervento alla presentazione del progetto ‘Social dialogue for skills - dialogo sociale...

Tutte le nostre iniziative in un unico posto. Apre il canale Whatsapp di Flai nazionale

Tutte le iniziative, tutti gli eventi, tutte le manifestazioni che ci coinvolgono in un unico posto. Da oggi è attivo il nuovo canale Whatsapp...