HomeComunicatiKnorr. Palazzoli, per i lavoratori il prezzo più caro, Unilever ritiri i...

Knorr. Palazzoli, per i lavoratori il prezzo più caro, Unilever ritiri i licenziamenti e Governo ci convochi

“Quello che sta accedendo allo stabilimento Knorr di Sanguinetto è l’ennesimo colpo ai lavoratori e alle lavoratrici del nostro Paese, che, a fronte dei sacrifici cui vengono quotidianamente chiamati, seguitano a pagare il prezzo più caro. Solo un anno fa a Sanguinetto sono sati persi 30 posti di lavoro, una misura che ci avevano detto necessaria per mantenere attivo lo stabilimento, pur con un maggiore carico di lavoro per tutti gli altri lavoratori. Poi Unilever, improvvisamente, comunica che la produzione del dado Knorr verrà delocalizzata in Portogallo con il conseguente licenziamento di 76 persone, cui si aggiungono circa 40 lavoratori stagionali che non verranno più richiamati”. Lo dichiara Sara Palazzoli, Segretaria nazionale Flai Cgil.
“Si seguita con azioni unilaterali dell’azienda alla quale oggi torniamo a chiedere con forza quale sia il Piano di investimenti in Italia e quali le prospettive per il futuro dello stabilimento di Sanguinetto. Certo per noi il punto di partenza deve essere il ritiro dei 76 licenziamenti”.
“Anche al Governo – prosegue Palazzoli – chiediamo un intervento deciso su quella che è l’ennesima crisi del Paese e del lavoro che seguita a non esserci, o ad essere sempre più precario e sfruttato; un intervento che tuteli veramente lavoratrici e lavoratori senza spot o false promesse. Chiediamo che quanto prima il Governo convochi le parti per contribuire a trovare una soluzione che tuteli i posti di lavoro e la dignità e i diritti dei lavoratori”.

Articoli correlati

Flai Cgil all’assemblea nazionale dei Campi della legalità di Libera

All’Assemblea nazionale dei campi di impegno e formazione sui beni confiscati alla criminalità organizzata ‘E!State Liberi!’, all’Auditorium San Domenico di Roma, Jean-René Bilongo, capo dipartimento legalità Flai Nazionale e presidente dell’Osservatorio Placido Rizzotto, interviene...

Agricoltura. Fiatti: bene PAC Italia, insieme a condizionalità sociale deve creare buona occupazione

“Una buona notizia per il settore agricolo il via libera della Commissione europea al Piano Strategico Nazionale dell'Italia sulla Politica agricola comune (Pac), con un sostegno di oltre 35 miliardi di euro, tra contributi...

MEMORIA 2 Dicembre 1968. I fatti di Avola: la polizia spara sui braccianti

Sono all’undicesimo giorno di sciopero i braccianti siracusani e l’intervento armato della polizia altro non è che il tentativo delle forze agrarie di spezzare il movimento rivendicativo, di dare una lezione a tutti i...

6 e 7 dicembre a Roma seminario finale del progetto Di.Agr.A.M.M.I. di Legalità al centro-nord

In 30 mesi di attività di contrasto al caporalato e allo sfruttamento dei lavoratori migranti in agricoltura, ha aiutato oltre 20mila persone Si terrà il 6 e 7 dicembre 2022 nel Centro Congressi Roma Eventi...

Flai Cgil, altri nove bancali di cibo al Vaticano, solidarietà concreta per chi non arriva a fine mese

L’aumento sempre più marcato delle diseguaglianze, evidenziato da tutti i centri di ricerca, rende indispensabili interventi di solidarietà concreta. Contro vecchie e nuove povertà servono risposte decise, va in questa direzione la consegna da...