Industria alimentare, a Roma, Milano e Napoli illustrato il Ccnl 2023-2027 ad oltre 2000 delegati

Si sono svolti, ieri, contemporaneamente a Milano, Roma e Napoli i tre attivi del nord, centro e sud Italia nei quali le segreterie nazionali di Fai, Flai e Uila hanno presentato a circa 2000 tra delegati e quadri sindacali l’accordo di rinnovo del contratto nazionale dell’industria alimentare 2023-2027.

Una scelta volta a sottolineare il valore decisivo che l’unitarietà sindacale ha avuto nel corso della trattativa.

Gli obiettivi raggiunti nel contratto, siglato lo scorso 1° marzo, sono molto ambiziosi e non riguardano solo l’importante aumento salariale (280 euro) ma molti altri aspetti che vanno dal rafforzamento del sistema di welfare nazionale alla riduzione dell’orario di lavoro, dalla centralità della formazione al miglioramento dei capitoli su salute e sicurezza, dal rafforzamento del sistema di relazioni sindacali ad un nuovo fondamentale ruolo dell’Ente bilaterale di settore su diversi temi. Importanti conquiste sono state ottenute anche sul versante della conciliazione vita-lavoro e sul contrasto alla violenza di genere.

“Un contratto che guarda al futuro e che pone un argine alla precarietà del mercato del lavoro, ma soprattutto un contratto che sarà unico anche nei prossimi rinnovi, grazie all’art. 1 che con alcuni elementi tecnici scoraggia la stipula di altri contratti collettivi nell’industria alimentare” hanno dichiarato i segretari generali Onofrio Rota, Giovanni Mininni e Stefano Mantegazza. “Adesso l’ultima parola spetta alle lavoratrici e ai lavoratori nelle assemblee aziendali”.

Articoli correlati

Agricoltura, alla vigilia del voto europeo si ‘semplifica’ la Pac con i datoriali senza consultare i sindacati

Coinu, Flai Cgil: “Gravissime le responsabilità del Commissario Wojciechowski rispetto al tentativo di affossamento del Green Deal” In queste ore Janusz Wojciechowski, Commissario Europeo all’Agricoltura,...

“Radici del passato, sguardi al futuro”, lunedì 8 aprile a Roma l’iniziativa per i vent’anni di Metes

Dal significato odierno della formazione sindacale a quello dell’insegnamento dell’italiano ai lavoratori migranti. Dal valore della ricerca per uno sviluppo sostenibile a quello dello...

Caporalato nelle vigne delle Langhe, Flai Cgil: “Da nord a sud, vitivinicolo sempre più spesso protagonista di cronache di sfruttamento. Situazione intollerabile, intervenire subito”

Guaraldi: “Inaccettabile che prodotti fiore all’occhiello delle produzioni agroalimentari del nostro paese siano macchiati del sangue dei lavoratori e delle lavoratrici” “Il caporalato e lo...