Incontro Comitato del Dialogo sociale in Agricoltura e assemblea generale Agricoltura Effat

“Promuovere l’immediata applicazione della Condizionalità Sociale e riconoscere un salario adeguato a lavoratrici e lavoratori del settore”

L’aumento dei costi di vita e la forte inflazione obbligano a riflettere sull’andamento degli stipendi delle lavoratrici e dei lavoratori in agricoltura. Il costo del ‘paniere alimentare agricolo’ ha spesso avuto aumenti superiori all’andamento inflattivo generale, definendo un margine importante di guadagno per le aziende. “L’agricoltura sta evolvendo – osserva Andrea Coinu, responsabile politiche internazionali Flai Cgil – c’è sempre più valore aggiunto nelle produzioni e aumenta il valore totale prodotto, serve riconosce ai lavoratori il proprio ruolo in questa filiera e aumentarne gli stipendi.

Serve anzi estendere la protezione sociale nel settore con politiche attive, la condizionalità sociale, in questo senso andrebbe, non solo mai messa in discussione in agricoltura, ma estesa impedendo dinamiche di sfruttamento o non rispetto delle regole a tutte le attività economiche sostenute con finanziamenti dell’Unione Europea, o pubblici in generale”. La sperimentazione in Italia, Francia, Austria e Lussemburgo è un’opportunità per l’intera Unione Europea e l’auspicio è che il nostro paese diventi un punto di riferimento virtuoso nel cogliere le opportunità della condizionalità.

“È un piacere inoltre riconoscere il ruolo del dialogo sociale e delle sue potenzialità – aggiunge Coinu – il documento comune alla Copa-Cogeca, la grande associazione dei datoriali agricoli europei, sugli effetti nel lavoro in agricoltura del riscaldamento globale è fondamentale per il settore e per migliorare le condizioni di lavoro nei campi. Riconoscere che il clima determina condizioni di insostenibilità e aprire una discussione di prospettiva su quale direzione dare ai nuovi modi di lavorare in relazione ai nuovi modelli climatici è fondamentale, cosi come lo è impegnarsi reciprocamente per un’agricoltura sempre meno impattante e sempre più sostenibile per le future generazioni”.

Articoli correlati

Il 9 marzo in piazza per Gaza. Coinu: “Siamo di fronte ad una sadica follia”

Dopo la manifestazione nazionale del 24 febbraio contro tutte le guerre, che ha visto mobilitarsi decine di migliaia di cittadine e cittadini in oltre...

Rinnovato il Protocollo aggiuntivo per il personale operaio assunto dal CUFAA: “Soddisfazione per recepimento CCNL Forestali, primo passo per valorizzazione comparto”

Si sono incontrati oggi a Roma, presso il Comando Unità Forestali Ambientali ed Agroalimentari Carabinieri, alla presenza del Generale C.A. Andrea Rispoli, Comandante del...

La questione migratoria, il Pci e le sinistre nell’Italia del Novecento

Bilongo: “L’assenza odierna di una spinta progressista è sostituita da ideologie reazionarie che producono ostracismo e respingimenti” Nella storia delle Storie del mondo i migranti...